Cosa è successo durante l’alluvione di Piacenza? Il resoconto delle attività di soccorso

Il Comune di Piacenza ha deciso di pubblicare un resoconto puntuale di come sono andate le cose durante la pesante alluvione del 14 settembre scorso, quando sull’alta Valnure e Val Trebbia si è scaricata un’intensa cella temporalesca con accumuli superiori ai 300mm di pioggia all’ora. Il resoconto – pubblicato dal Giornale della Protezione Civile – spiega come si è svolta la fase di allerta, criticità, esondazione e controllo della piena. Inoltre – per quanto riguarda solo il Comune di Piacenza – si spiega a fondo l’attività post alluvione nell’abitato di Roncaglia, il paese più colpito dopo l’esondazione fuori alveo del Nure.

Le slides mostrano come si è svolta la catena del soccorso a valle dell’evento temporalesco. E sottolinea come la fase di allerta meteo sia stata data solo per la regione Liguria, mentre il dramma vero si è scatenato pochi chilometri più in là del confine fra Piacenza e Genova, cioè nel versante appennino emiliano, dove l’acqua è poi scesa a valle con inaudita velocità e potenza.

 

[document url=”http://www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it/bf/filesupload/Piacenza_emergenza_alluvione_sett2015__slide_58591.pdf” width=”600″ height=”600″]

I commenti sono chiusi.