Covid-19, come evitare il contagio: due video ci spiegano le procedure per indossare e togliere i DPI

Due video decisamente esaustivi, che vi proponiamo. Per operatori sanitari impegnati nel soccorso e nella cura delle persone contagiate dal Covid-19? No, non esclusivamente.

 

Coronavirus e adozione di protezioni

Sono molte le parti, al contrario, che si prestano a riflessioni ed apprendimento da parte del cittadino comune, da chi come noi non è in questo momento impegnato nella cura di un paziente affetto da SARS-CoV-2: per esempio quelle riguardanti l’uso dei guanti, il corretto modo di indossare la mascherina, il modo in cui le mani andrebbero lavate per poterle considerare igienizzate.

Già, nemmeno il lavaggio delle mani, è poi così scontato e simile a quello cui siamo abituati.

Indicazioni che servono a chi è stato “reclutato al volo” da reparti nei quali non sempre sono utili queste forme di (auto)tutela, ma anche a chi ha congiunti ricoverati e soli. Per fare sapere a questi ultimi cosa accade, una volta chiusa la maledetta porta che li separerà dalle persone amate.

L’indossare ed il togliere con scrupolo i DPI (acronimo di Dispositivi di Protezione Individuale), l’attenzione al numero adeguato di guanti da indossare, uno sull’altro, affinché ogni presidio di protezione potenzialmente infetto sia tolto senza contatto con l’organismo del curante, sono tutti passaggi procedurali essenziali, per abbattere la probabilità di contagio in chi lotta in prima linea la lotta al coronavirus.

Una lotta, è bene sottolinearlo, che ha già fatto fin troppi martiri, che nella maggior parte dei casi potevano e dovevano essere evitati.

Le fonti sono autorevoli: il primo video è stato realizzato a cura dell’Unità Malattie Infettive e della Comunicazione del Policlinico Sant’Orsola, il secondo dall’Istituto Superiore di Sanità.

PER APPROFONDIRE SU COVID-19 CLICCA QUI E VAI A RITROSO NEI LINK

PER APPROFONDIRE IN LINGUA INGLESE CLICCA QUI E VAI A RITROSO NEI LINK

COVID-19, I VIDEO

VIDEO DEL POLICLINICO SANT’ORSOLA

VIDEO DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

 

I commenti sono chiusi.