Demenza, ipertensione collegata alla mortalità COVID-19 nel morbo di Parkinson

COVID-19. Tra i pazienti con morbo di Parkinson, la co-occorrenza di demenza e ipertensione, nonché la durata della malattia, sono state significativamente associate alla mortalità dovuta alla malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), in un recente studio.

COVID-19 E PARKINSON, LO STUDIO

In una precedente pubblicazione sulle implicazioni di COVID-19 sui malati di morbo di Parkinson, è stato riscontrato che, come qualsiasi altra infezione, COVID-19 può causare un peggioramento dei sintomi motori e non motori.

Inoltre, gli effetti psicologici avversi della pandemia, che è già prominente in quelli con Parkinson, sono stati citati come ulteriori motivi di preoccupazione.

Sebbene questi fattori, insieme ai casi segnalati di problemi urinari e affaticamento, possano giustificare aggiustamenti alla terapia, il rischio di mortalità distinto dei pazienti infettati da COVID-19 deve ancora essere determinato.

Simile ad altre condizioni mediche preesistenti come l’ipertensione o l’obesità, gli autori dell’attuale studio osservano che i pazienti infetti da COVID-19 che hanno morbo di Parkinson possono subire un aumento del rischio di morbilità e mortalità.

Hanno esaminato i risultati clinici e i predittivi associati a coronavirus in pazienti con parkinsonismo (n = 120) seguiti in 21 cliniche: Italia (n = 14), Iran (n = 5) e Spagna (n = 1 ) e il Regno Unito (n = 1).

“La diagnosi di COVID-19 è stata confermata mediante test PCR in tempo reale o quando i sintomi erano compatibili con COVID-19 e il paziente è stato in contatto con un caso confermato dalla PCR (di solito un membro della famiglia)”, hanno ampliato gli autori dello studio.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto un tasso di mortalità del 19,7% tra la popolazione di parkinsoniani, un netto aumento dal tasso di mortalità COVID-19 di coloro con età pari o superiore a 50 anni senza Parkinson (9,5%).

LE RISULTANZE DELLO STUDIO CHE CORRELA MORTALITA’ DA COVID-19 E PARKINSON

Nell’esaminare il ruolo potenziale delle comorbidità associate a esiti avversi COVID-19, l’ipertensione è stata indicata come una tendenza statisticamente significativa (63,6% nei pazienti deceduti vs 37,6% nei casi lievi / ammessi; P = 0,054).

Demenza (26,1% nei pazienti deceduti vs 8,5% nei casi lievi / ammessi; P = .049) e durata del morbo di Parkinson (11,7 ± 8,8 nei pazienti deceduti vs 6,6 ± 5,4 anni nei casi lievi / ammessi, P = 0,029) erano fattori aggiuntivi legati a esiti avversi COVID-19.

I ricercatori hanno evidenziato che i risultati dello studio presentano notevoli limitazioni, tra cui la dimensione della coorte e l’incapacità di delineare le differenze dei sottogruppi in base all’utilizzo del trattamento.

Lo studio è stato inoltre condotto nel bel mezzo dei blocchi nazionali, hanno notato i ricercatori, con molti pazienti che si rifiutavano di essere ulteriormente studiati

“Nonostante alcune importanti limitazioni, il nostro studio è la più grande serie di pazienti con Parkinson con COVID-19 raccolta finora, consentendo così una definizione più accurata della loro mortalità e, cosa più importante, evidenziando i fattori di rischio che dovrebbero guidare le azioni del comunità medica impegnata nella cura di questi pazienti “, hanno detto gli autori dello studio.

I ricercatori hanno concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati di questo studio.

PER APPROFONDIRE:

IL CORONAVIRUS NELLE RSA ITALIANE

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E FONTE DELL’ARTICOLO:

Fasano A, Elia AE, Dallocchio C, et al. Predittori dell’esito COVID-19 nella malattia di Parkinson. Parkinsonismo Relat Disord. Pubblicato online il 13 agosto 2020. doi: 10.1016 / j.parkreldis.2020.08.012

GIORNALE SCIENTIFICO DI DOCUMENTAZIONE MEDICA AJMC

I commenti sono chiusi.