Giornata Internazionale della Gioventù. Il presidente Rocca: "i nostri giovani volontari sono creatori di futuro"

Giovani volontari della Croce Rossa. Sono sempre più complesse le sfide che i giovani si trovano a vivere in questa società. Siamo al centro di grandi mutazioni, colpiti da una pandemia globale, dall’incertezza socio-economica e dai cambiamenti climatici.

Giovani volontari, la forza di Croce Rossa Italiana

Mentre le Nazioni Unite compiono 75 anni e ne mancano solo 10 per rendere l’Agenda 2030 una realtà, la fiducia nelle istituzioni pubbliche sta attraversando una crisi di legittimità e rilevanza.

L’odierna “Giornata internazionale della gioventù” offre l’opportunità di celebrare e integrare le voci, le azioni e le iniziative dei giovani, nonché il loro impegno significativo, universale ed equo.

Tema del 2020: l’impegno dei giovani per l’azione globale

Il tema del 2020, “Youth Engagement for Global Action“, cerca di evidenziare i modi in cui l’impegno dei giovani a livello locale, nazionale e globale stia arricchendo istituzioni e processi nazionali e multilaterali, oltre a trarre insegnamenti su come la loro rappresentanza e il loro engagement nella politica istituzionale possano essere significativamente migliorati.

L’obiettivo è quello di consentire il coinvolgimento dei giovani nei meccanismi politici formali, aumentando l’equità e riducendo i deficit democratici.

Inoltre, la stragrande maggioranza delle sfide che l’umanità deve attualmente affrontare, come l’epidemia di COVID-19 e il cambiamento climatico, richiedono un’azione globale concertata e l’impegno e la partecipazione significativa dei giovani per essere affrontati in modo efficace.

I giovani volontari e il Covid 19

Il Coronavirus ha colpito e sta colpendo ancora tutti i segmenti della popolazione, con i giovani che giocano un ruolo chiave nella gestione della pandemia.

Abbiamo visto, infatti, come durante il lockdown l’età media di soccorritori e volontari attivi nell’aiuto delle fasce più vulnerabili della popolazione fosse bassa.

I giovani volontari della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa hanno avuto un ruolo chiave a livello mondiale nel contenimento del virus e per l’aiuto fornito, anche attraverso la consegna a domicilio di spesa e farmaci.

In questo contesto l’educazione sanitaria, la promozione della salute pubblica e le informazioni basate sull’evidenza (attività proprie dei nostri giovani) sono fondamentali per combattere la diffusione e gli effetti del COVID-19 e soprattutto per contrastare la diffusione della disinformazione online.

Il ruolo dei governi, delle organizzazioni giovanili e dei gruppi comunitari sarà essenziale per garantire la diffusione di informazioni affidabili sulla salute pubblica.

I Giovani della Croce Rossa Italiana, creatori di Futuro

Sono quasi 40mila, in età compresa tra i 14 e i 32 anni, con una netta prevalenza di ragazzi e ragazze tra i 17 e i 25 anni, presenti su tutto il territorio nazionale.

Oltre alle attività conosciute di assistenza e di soccorso, sono impegnati in una costante e diffusa opera di educazione civica e civile: educazione alla salute, con attenzione alla sicurezza stradale, alla sessualità consapevole, alle abitudini alimentari; educazione sociale, con attività mirate ad arginare la piaga delle dipendenze, che non sono solo all’alcool e alle droghe; educazione alla pace e ai principi, per diffondere la non violenza, il rispetto delle differenze, dei diritti umani e in particolare dei bambini e per la prevenzione del bullismo.

Ma, soprattutto, sono portatori di una Visione: quella del futuro del Movimento.

Molti gruppi dei nostri Giovani sono attivi nella tutela e salvaguardia dell’ambiente e nella pulizia di parchi e spiagge, in collaborazione con Legambiente.

In molti intraprendono viaggi che li portano a conoscere realtà diverse e lontane, impegnandosi come volontari nella cooperazione internazionale e acquisendo competenze tecniche di alto livello.

Nelle loro comunità svolgono attività di formazione perché tutti i cittadini siano preparati alle emergenze e per consentire alle istituzioni di ridurre i rischi da disastro, con percorsi formativi mirati per le scuole di ogni grado.

Un mondo migliore è possibile. U

n mondo migliore già c’è, in ognuno di loro.

Sono i nostri creatori di Futuro!

Lettera_per_i_Comitati___IYD_2020_rev

 

PER APPROFONDIRE:

CROCE ROSSA ITALIANA: LA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SU AMBULANZA E TRASPORTI SANITARI IN EMERGENZA E’ POSITIVA

FONTE DELL’ARTICOLO:

SITO UFFICIALE CROCE ROSSA ITALIANA

I commenti sono chiusi.