Il salvataggio di Sylvie, husky intrappolato nei ghiacci di una baia

Un pompiere del Dipartimento dei Vigili del Fuoco di Boston ha soccorso giovedì scorso un husky che, dopo esser scappato durante una camminata mattutina, era caduto rimanendo intrappolato nella ghiacciata Pleasure Bay nei pressi di Castle Island, zona meridionale di Boston.

Il salvataggio è avvenuto pochi minuti prima delle 9 di mattina. Il pompiere, Sean Coyle, dopo aver indossato una tuta termica ed esser stato agganciato con una fune di sicurezza, si è avvenuturato sopra la superficie ghiacciata della baia a bordo di una barella basket secondo quanto dichiarato dal portavoce del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Steve MacDonald. In questo modo, il pompiere è riuscito a raggiungere il cane che si trovava intrappolato nel ghiaccio ad una trentina di metri dalla riva.

Sylvie, un esemplare di husky di 13 anni, aveva sfondato una sottile lastra di ghiaccio cadendo nell’acqua dove è rimasto per circa 30 minuti, ha detto Coyle. Se non fosse stato per la folta pelliccia, l’animale sarebbe probabilmente deceduto.

“Era decisamente scossa quando l’ho soccorsa”, ha raccontato Coyle. “Quando l’ho raggiunta, i suoi latrati erano ormai diventati gemiti. Stava perdendo energia“.

Coyle ha liberato l’husky dal ghiaccio caricandola sulla barella basket, per poi ridirigersi verso la riva. La manovra di salvataggio è stata pericolosa, ha detto MacDonald. “Nonostante ci siano state temperature davvero basse, ci sono stati anche periodi di disgelo”. Per questo motivo, è stato difficile dichiarare se il ghiaccio fosse abbastanza solido da essere percorso o meno.

Più o meno a metà tragitto verso la riva, Coyle ha lasciato che l’animale scendesse dalla barella e raggiungesse da solo l’uomo che lo stava portando a fare una passeggiata prima dello spiacevole incidente.

Il pompiere di Boston, una volta terminato il soccorso ha dichiarato: “Su due gambe o quattro zampe, una vita è una vita”.

 

I commenti sono chiusi.