Iraq, i pazienti gravi di COVID-19 negli ospedali di Bagadad solo quando "erano quasi sicuri di morire"

Iraq, l’impegno di MSF. Un anno fa COVID-19 ha iniziato a colpire il mondo. Partito forse dalla Cina, propagatosi nel nord Italia, si è quindi diffuso in ogni angolo del pianeta.

Alla fine di luglio 2020 a Baghdad, la capitale dell’Iraq, qualcosa di strano ha cominciato ad accadere.

Negli ospedali di tutta la città, i medici e gli infermieri che sudavano nella calura estiva irachena notarono che mentre le loro unità di terapia intensiva COVID-19 erano sempre piene, i reparti per le persone con casi meno gravi si stavano svuotando.

COVID-19 in Iraq, il racconto con gli occhi di MSF

“Gli ospedali erano sovraccarichi, a Baghdad, e la gente aveva paura, così ricorreva all’assistenza domiciliare”, spiega Omar Ebeid, coordinatore del progetto a Baghdad per Médecins Sans Frontières (MSF).

“La gente ha smesso di andare negli ospedali. Venivano solo quando era così tardi che erano quasi sicuri di morire”.

Gli ospedali di Baghdad sono abituati a vedere afflussi improvvisi di feriti, a causa dei bombardamenti che hanno seguito l’invasione statunitense e i successivi lunghi anni di conflitto.

Quando il COVID-19 ha cominciato a diffondersi per le strade della città la scorsa estate, tuttavia, le debolezze del sistema sanitario sovraccarico sono diventate rapidamente evidenti.

“Abbiamo cercato di farle fare UN test, ma non ci siamo riusciti”, dice Hiba di sua madre, Neamat, che si è ammalata a novembre.

“Abbiamo fatto una TAC e abbiamo visto che i suoi polmoni erano tutti bianchi, molto danneggiati dal coronavirus”.

“Dato che sono una farmacista, ho pensato che potevamo gestirla a casa”, continua Hiba.

“L’ospedale era l’ultima arma cui pensavo di ricorrere”.

Alla fine, però, le condizioni di Neamat sono peggiorate gravemente e Hiba è stata costretta a portare sua madre in un ospedale pubblico.

“C’era un dottore diverso ogni giorno, e ogni dottore scriveva una prescrizione diversa”, dice Hiba.

“C’erano solo due o tre infermiere per circa 20 pazienti, era impossibile per loro”.

Iraq, MSF apre un reparto dedicato a COVID-19

Le équipe di MSF hanno fornito assistenza nell’unità di assistenza respiratoria dell’ospedale di Al-Kindi per tutto giugno, luglio e agosto.

Hanno visto in prima persona le crescenti necessità e come l’ospedale non fosse in grado di far fronte alla marea di pazienti COVID-19 che avevano bisogno di un follow-up stretto e costante.

“Era comprensibile che vedessimo molti staff spaventati dal COVID-19 ed esitanti a lavorare”, dice Gwenola Francois, capo missione di MSF in Iraq.

“Ciò che era più difficile era che i medici senior erano spesso assenti dall’ospedale, e i medici junior erano spesso poco disposti a prendere decisioni vitali senza di loro”.

MSF si è quindi accordata con le autorità sanitarie per aggiungere il nostro reparto di trattamento COVID-19 all’interno dell’ospedale di Al-Kindi, che ha aperto a settembre con 24 posti letto, per poi espandersi a 36 posti in una struttura appositamente costruita.

Nell’unità, medici, infermieri e altro personale circolano con maschere e camici blu, prendendo i segni vitali, regolando le impostazioni dei ventilatori e spiegando ai familiari qual è la situazione del malato e quali trattamenti gli vengono somministrati.

“Abbiamo visto in precedenza che a volte i custodi potevano essere violenti nei confronti degli operatori sanitari quando un membro della famiglia moriva”, spiega Ebeid, il coordinatore del progetto.

“Abbiamo cercato di evitare queste reazioni violente aumentando la nostra comunicazione con le famiglie, e fortunatamente non abbiamo avuto nessun problema con i custodi violenti nel nostro reparto”.

COVID-19, in Iraq è alto il numero di pazienti che arrivano in condizioni critiche

Questo livello di comunicazione è particolarmente importante in un’unità che ha trattato molte persone molto malate, con il tasso di mortalità che riflette la gravità dei casi ricevuti: ci sono state 168 persone ricoverate tra settembre 2020 e il 7 febbraio, e 86 di queste sono morte.

“Dal punto di vista medico, la situazione qui è stata molto difficile”, dice la dottoressa Aurelie Godard, consulente di MSF per le cure intensive che ha lavorato ad Al-Kindi a settembre e ottobre.

“Poiché i pazienti hanno esitato a venire in ospedale, arrivano molto tardi, con livelli di ossigeno molto bassi e molte complicazioni”.

“Quando abbiamo iniziato, il tasso di mortalità per i pazienti critici era quasi del 100 per cento, e anche se lo abbiamo abbassato, è ancora molto alto”, continua il dottor Godard.

“Ma lavorando con i nostri colleghi iracheni abbiamo rapidamente sviluppato nuovi modi di lavorare insieme e abbiamo iniziato ad essere in grado di dimettere alcuni pazienti che prima sarebbero morti”.

“Nei primi giorni del mio lavoro ero un po’ titubante”, ricorda Mahmoud Faraj, un infermiere vicino a Mosul che lavora con MSF a Baghdad.

“Pensavo di guidare per cinque o sei ore per lavorare con persone con il coronavirus, mentre altre persone fuggivano da questa nuova pericolosa malattia”.

“Ma quando alla fine ho lavorato con i pazienti e ho visto come cambiano le condizioni delle persone e come diventano felici quando migliorano, ho sentito che sto fornendo un grande servizio”, dice Faraj.

Per approfondire:

Coronavirus in Iraq, MSF: supportiamo gli ospedali nella risposta all’epidemia

Brasile, emergenza Covid in Amazzonia: MSF lancia allarme, Venezuela invia ossigeno

Leggi l’articolo in versione inglese

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale MSF – Medici Senza Frontiere

I commenti sono chiusi.