Kenya, sciopero di medici e infermieri in piena crisi di Covid-19. I Vescovi: "grido di medici, infermieri e personale di supporto inascoltato"

Kenya, medici ed infermieri in sciopero in pieno Covid-19, e a causa anche della gestione dell’emergenza Covid-19 da parte delle autorità politiche.

“Le sofferenze che i pazienti affrontano ogni volta che c’è uno sciopero di medici e infermieri dovrebbero ricordarci che salvare vite dovrebbe essere una priorità sia per il governo che per il personale medico” affermano i Vescovi del Kenya, in una dichiarazione inviata all’Agenzia Fides.

“Ricordiamo che gli scioperi di medici e infermieri in Kenya sono in corso da oltre 20 anni. Negli ultimi mesi, medici e infermieri hanno incrociato le braccia per protestare contro lo scarso sostegno del governo mentre si trovano in prima linea per combattere la diffusione del Covid-19.

Di conseguenza, i pazienti muoiono, le malattie incalzano. Invece di salvare vite umane o alleviare la sofferenza dei pazienti, sempre più persone sono colpite” continua la dichiarazione.

Kenya, nello sciopero di medici ed infermieri le richieste del KNUN: risarcimento alle famiglie degli infermieri morti nella lotta a Covid-19 e fornitura di materiale DPI

Il sindacato degli infermieri (Kenya National Union of Nurses, KNUN) ha posto come condizione per la fine dello sciopero il risarcimento delle famiglie dei 26 infermieri morti di Covid-19 da parte dello Stato.

Il segretario generale di KNUN, Seth Panyako, afferma che 23.000 infermieri hanno avviato l’azione sindacale e riprenderanno il servizio solo quando le loro richieste saranno soddisfatte.

Tra queste vi sono la fornitura di materiale PPE per proteggere il personale sanitario e il pagamento di stipendi arretrati e di indennità legate alla lotta alla pandemia.

Per superare la crisi i Vescovi invocano “un dialogo costruttivo”.

“Vediamo che medici e infermieri non sono stati ascoltati con mente aperta” continua il messaggio, che sottolinea come i medici criticano la disparità di trattamento tra loro e i politici: “Gli stipendi e i benefit di accompagnamento per i legislatori sono belli.

Ma il grido di medici, infermieri e personale di supporto, alcuni dei quali sono in prima linea nella lotta alla diffusione del coronavirus, non viene quasi ascoltato.

Questo è il dilemma che il governo deve affrontare. Deve essere considerato giusto nei confronti di tutti i suoi dipendenti pubblici”.

“Mentre la nostra economia è martoriata a causa degli effetti del Covid-19, dobbiamo supportare i medici che rischiano le loro vite per salvare le nostre.

Dobbiamo fare tutto ciò che è possibile per fornire loro le migliori condizioni di lavoro.

Altrimenti mettiamo a rischio la vita di milioni di keniani che non possono permettersi i costi di un ospedale privato” concludono i Vescovi.

Per approfondire:

Concorso “a sorpresa” per medici specializzandi, la viva protesta dell’Ordine dei Medici

Zimbabwe, nuovo atto di forza del Presidente Mnangagwa: medici militari, o non potranno lavorare negli ospedali statali

Fonte dell’articolo:

Agenzia Fides

I commenti sono chiusi.