La Marina Militare americana salva 128 persone nelle acque del Mediterraneo

Lo scorso mercoledì, un equipaggio della Marina Militare ha messo in salvo più di 100 uomini trovati a bordo di una piccola imbarcazione nell’agitato Mar Mediterraneo.

Fonti ufficiali riportano il salvataggio di 128 uomini, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, portati a bordo della nave USS San Antonio, unità da trasporto anfibio.

Un velivolo di pattuglia partito da Malta aveva localizzato la piccola imbarcazione in balia di vento e onde. La San Antonio, che si trovava a 60 miglia nautiche di distanza, ha risposto alla chiamata di soccorso del governo maltese. Per l’operazione di salvataggio, l’equipaggio della marina ha utilizzato due scialuppe da 11 persone l’una, raggiungendo l’imbarcazione dei naufraghi situata a 75 miglia nautiche a sud-ovest di Malta.

La Marina non ha rilasciato nessuna informazione riguardo possibili feriti tra gli uomini soccorsi. Il Governo maltese ha fatto sapere che le persone a bordo dell’imbarcazione provenivano dalla Somalia. Gli uomini saranno trasportati al porto di Malta e da li consegnati alla Guardia Costiera maltese.

Il Mar Mediterraneo è stato il luogo di due naugfragi mortali nelle ultime settimane dove almeno 400 persone hanno perso la vita.

Lampedusa, isola non lontana dalla Sicilia e la più vicina all’Africa, è diventata la destinazione per decine di migliaia di rifugiati in cerca di un modo per entrare nella Comunità Europea.

I commenti sono chiusi.