La Protezione Civile Italiana interviene nelle zone alluvionate della Sardegna

La macchina dei soccorsi si dispiega nelle aree della Sardegna colpite dall’alluvione. La Protezione civile della Regione Sardegna, con la direzione generale, i Centri di coordinamento soccorsi provinciali attivati a Olbia, Nuoro e Oristano e diversi Centri operativi comunali, stanno aiutando la popolazione colpita e lavorando per ripristinare strade, linee elettriche, condotte idriche e della rete del gas. L’obiettivo è mettere in sicurezza gli sfollati, secondo l’ultimo bilancio sono 1.350.

Risulta sempre un disperso a Onanì (Nuoro), mentre le persone decedute sono 16. Sempre a Onanì è in via di ripristino la strada di accesso. Sono state inviate diverse autobotti di acqua potabile in alcuni comuni che ne hanno fatto richiesta, specie nel Nuorese. I volontari inviati dalla Protezione civile della Regione al momento sono oltre 120, a Olbia e nell’Oristanese, che si aggiungono a quelli inviati dagli enti locali. 

I commenti sono chiusi.