MEDEVAC in elisoccorso, corso ECM a Padova con HEMS Association

Quali aspetti affronterà la quarta edizione del corso MEDEVAC di HEMS Association a Padova il 6 e 7 maggio 2019?

I perché dell’elisoccorso, le basi fisiche del volo e l’impatto sul paziente, gli scenari ostili. Ma soprattutto i criteri e i motivi per andare a lavorare in elisoccorso. Questo e molto altro nel corso del prossimo 6 e 7 maggio a Padova. Iscrizioni aperte per medici, infermieri, volontari e tecnici.

  • Perché scegliere l’elisoccorso in caso di emergenza o di trasferimento medicale critico?
  • Quali differenze fra MEDEVAC in elicottero o con ala fissa?
  • Come scegliere e cosa valutare per creare un team di intervento perfetto?
  • Quali aspetti fisiologici vanno valutati nell’affrontare un trasporto in elicottero di un paziente critico? 

ISCRIVITI AL CORSO

 

Medevac e avvicinamento all’elisoccorso: cosa sapere?

“Questo corso è iniziato a livello sperimentale, e siamo arrivati ad una quarta edizione molto importante” spiega Giovanni Cipolotti, medico anestesista-rianimatore con pluriennale esperienza in elisoccorso e membro dell’HEMS Association. “La realizzazione del corso è in collaborazione con la ALSG Italia, parte dell’Advanced Life Support Group inglese. Abbiamo quindi realizzato una commistione di competenze con la medicina aeronautica e portato l’esperienza di chi opera con il MEDEVAC ad ala fissa per affrontare al meglio sia operazioni primarie che secondare, con l’elicottero”.

L’obiettivo di questo corso HEMS MEDEVAC è chiaro: fornire con lezioni frontali, workshop, esercitazioni e una visita in base HEMS a Padova, un perfezionamento formativo a medici, infermieri e tecnici che vogliono lavorare in elicottero o approcciarsi ad esso in fase operativa. La faculty del corso è composta da 11 professionisti dell’elisoccorso fra medici anestesisti-rianimatori, infermieri, tecnici CNSAS, psicologi e ufficiali dell’Aeronautica militare. La formazione del corso HEMS ha come obiettivo quello di fornire strumenti di valutazione adeguati alle condizioni di operatività esistenti.

Capire i criteri di utilizzo dell’elisoccorso, valutare vantaggi e svantaggi degli interventi, conoscere i criteri di selezione fisica e psicoattitudinale ed essere coinvolti nelle valutazioni post evento dei maggiori interventi complessi avvenuti recentemente in Italia garantisce ai discenti una formazione completa e partecipativa. “Si tratta di un corso con ECM che rappresenta un’interfaccia di avvicinamento all’elisoccorso e al trasporto ad ala fissa. Questi corsi rappresentano un punto di accesso, aperto a tutti, per capire meglio il mondo dell’elisoccorso e capire come funziona”.

MEDEVAC: quali argomenti saranno trattati?

Al partecipante sarà introdotto il mondo dell’elisoccorso con una prima giornata teorica, che spiegherà, a chi vuole entrare in questo settore, gli aspetti tecnici del volo. Saranno toccati anche due argomenti molto importanti, ovvero gli aspetti fisiologici dell’elisoccorso per il paziente e per il personale sanitario, che non è indenne dagli effetti di atmosfera, vibrazioni e altri fattori critici. Nella seconda giornata invece la faculty affronterà i criteri di idoneità all’impiego in elisoccorso, il fattore umano, la psicologia e i protocolli di trattamento in quadri clinici particolari. Una grande rilevanza avrà la condivisione delle esperienze e la presentazione degli scenari ad alto rischio, con un focus dedicato al soccorso in ambiente ostile tenuto dal dottor Alberto Baratta, direttore della base di elisoccorso Pegaso 2 di Massa.

Affrontare l’elisoccorso per capirlo: training ed esperienza in base a Padova

Per tramutare subito in esperienza pratica quanto studiato in lezioni frontali, HEMS Association proporrà due scenari complessi, in due skill station per affrontare la preparazione del paziente al volo. La pratica è quindi fondamentale affinché interventi primari e secondari possano avere un buon risultato. Gli allievi del corso dovranno gestire adeguatamente – nelle stazioni di training – il passaggio da ambulanza a elicottero, preparando il paziente e le attrezzature affinché avvenga un decollo senza intoppi, usando presidi e tecnologie quotidianamente impiegate in HEMS. Il paziente affetto da patologia acuta dovrà essere gestito sia nel caso di un intervento sul territorio, che in caso di trasferimento dal centro Spoke al centro HUB. Infine, tutto ciò che è stato appresso e valutato sarà anche corredato da una visita presso la base HEMS di Padova dove saranno studiati approcci all’elicottero, strumentazioni di bordo e gestione interna dell’equipaggio.

ISCRIVITI ADESSO

 

programma Corso MEDEVAC 2019(2)

I commenti sono chiusi.