Salvataggio al cardiopalma per il velista oceanico Bernard Stamm

Una complessa operazione di soccorso ha permesso di trarre in salvo il velista svizzero Bernard Stamm, colpito da una tempesta mentre stava riportando a casa la barca dopo la recente Transat Jacques Vabre a circa 180 miglia da Brest. L’imbarcazione Cheminees Poujolat, dopo aver colpito un’onda anomala, ha ricevuto danni strutturali che si sono rivelati fatali: lo scafo dopo una breve agonia è affondato, e Stamm, insieme al suo compagno di viaggio Damien Guillou, è stato ripescato della portacontainer norvegese MV STAR ISFJORD diretta a Rotterdam.

“Damien e io stavamo navigando 200 miglia al largo della Cornovaglia -dichiara Stamm- sottovento appena prima del fronte. Il vento soffiava a tra i 43 ei 45 nodi. Purtroppo, sbattendo su un’onda, la barca si è rotta in due. L’albero non è venuto giù subito. Abbiamo chiuso rapidamente tutti i compartimenti stagni e poi l’albero è caduto all’indietro. Abbiamo chiesto subito aiuto e poi organizzato la nostra sopravvivenza a bordo.“

Un primo tentativo di evacuazione dei due velisti da parte di un elicottero Sea King decollato da Culdrose in Cornovaglia è fallito per le avverse condizioni meteo. Per questo il British maritime coordination centre a Falmouth ha chiesto al comandante della MV STAR ISFJORD di cambiare rotta per stare vicino all’imbarcazione in difficoltà. Una decisione, questa, che si è rivelata provvidenziale.

I commenti sono chiusi.