Servizio civile, in Abruzzo due progetti: "#iorestoinformato" e "Tra le nuvole e il mare"

Servizio civile in Abruzzo: “Un Sistema da comunicare” è il nome del programma del Servizio Civile che darà la possibilità a 52 ragazzi e ragazze, di età compresa tra i 18 e i 29 anni non compiuti, di entrare nel mondo della Protezione Civile.

Il Programma si sviluppa in tutte e quattro le provincie abruzzesi grazie agli enti attuatori: PIVEC L’Aquila e distaccamenti, Volontari Protezione Civile Gran Sasso D’Italia e sezioni, i gruppi della Valtrigno San Salvo e N.O.V.P.C. Tagliacozzo.

Servizio civile in Abruzzo, il Programma è composta da due Progetti: “#iorestoinformato” e “Tra le nuvole e il mare”

“Sono progetti molto ambiziosi, ma credo che riusciremo a portarli a termine grazie ai ragazzi del servizio civile.

Trattano di una delle attività fondamentali della Protezione Civile che è quella della prevenzione attraverso lo strumento più importante: il Piano di Emergenza Comunale” dichiara Alessandro Lellii Presidente della VPC Gran Sasso D’Italia.

“Coinvolgere una comunità a discutere per la pianificazione di protezione civile significa ampliare la cultura della resilienza e dell’auto protezione tra la cittadinanza: un passo in avanti per rendere il piano di emergenza uno strumento fruibile per la popolazione e che attraverso questo metodo partecipativo sarà sempre più coinvolta nella prevenzione dei rischi”, dichiara Thomas Malatesta Presidente di PIVEC L’Aquila.

Il 15 Febbraio alle ore 14.00 è il tempo massimo per iscriversi con SPID attraverso il link https://domandaonline.serviziocivile.it/ .

Tutte le richieste di informazione possono essere inoltrare all’ente di riferimento, ovvero il CSV Abruzzo, anche attraverso le sedi distaccate presenti per ogni provincia o entrare nel sito www.csvabruzzo.it

“Servizio civile: Una scelta che cambia la vita. Tua e degli altri.”

Per approfondire:

Covid, variante brasiliana anche in Abruzzo: tre casi a L’Aquila

Abruzzo, CNSAS e GdF continuano le ricerche dei 4 escursionisti dispersi sul Monte Velino

I commenti sono chiusi.