Sicilia, ancora latitanti le cabine di sanificazione del personale: la protesta degli autisti soccorritori AASI

In Sicilia mancano le cabine di sanificazione per il personale sanitario. L’associazione autisti soccorritori italiani ( AASI ), attenta ai temi che quotidianamente interessano il settore del soccorso sanitario e dell’emergenza urgenza sanitaria, ha scritto ai diretti interessati, per reiterare una richiesta già effettuata mesi fa.

Tra i destinatari, l’assessore regionale alla Salute Razza, ai dirigenti delle strutture sanitarie della Sicilia e ai direttori Sues 118, tra gli altri.

Cabine di sanificazione e vestizione svestizione: le righe dell’associazione autisti soccorritori italiani (AASI)

L’associazione reitera la richiesta riguardante “l’installazione di cabine di sanificazione individuale per il personale all’interno delle aziende sanitarie provinciali ed ospedaliere della regione Sicilia all’interno dei Dea o delle unità operative di destinazione pazienti affetti da Covid – 19, inserite in un percorso dedicato alla svestizione degli operatori sanitari.

Segnaliamo, come lodevole iniziativa quella del pronto soccorso dell’AOUP “G. Rodolico”di Catania, dove è già in funzione una cabina di sanificazione del personale destinano all’assistenza e cura dei pazienti Covid – 19”.

Siamo a gennaio 2021.

La domanda a questo punto è se sarà possibile ottenere questo essenziale presidio per la sicurezza dei soccorritori e degli autisti soccorritori del 118 prima della fine dell’emergenza.

E prima di altre inutili morti legate al mondo dell’ambulanza 118.

Per approfondire:

Autista soccorritore, un ruolo ancora non considerato dal mondo politico. AASI: noi facciamo il massimo, e voi?

Giornata Mondiale della Prematurità, AASI: devono diventare obbligatori pianali ammortizzati per barella con termoculla

Covid-19, in Sicilia si sperimenta con successo il Protocollo M ed il trattamento precoce con Betametasone

Fonte dell’articolo:

Comunicato stampa ufficiale AASI

I commenti sono chiusi.