Soccorso di paziente in montagna: Esercito e CNSAS in addestramento assieme sui Cadini di Misurina

Soccorso di paziente in montagna. Sui Cadini di Misurina, si è svolta una sessione addestrativa congiunta tra il personale della stazione del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) di Auronzo di Cadore e la Squadra Soccorso Alpino Militare (SSAM) del 7° Reggimento Alpini.

 

Gli interventi complessi in parete nel soccorso di paziente in montagna

Nel contesto dolomitico in provincia di Belluno, gli operatori della Squadra Soccorso del 7° Alpini, congiuntamente ai team del CNSAS, hanno effettuato prove di interventi complessi in parete, per il recupero di un infortunato attraverso calate dall’alto, a seguito di sbarco da elicottero (con pattini a terra e non), dalla cima del campanile Eotvos.

Nello specifico, il personale imbarcato presso il rifugio città di Carpi, è stato trasportato sulla cima del Campanile, da dove, effettuando calate con barella, ha applicato le tecniche per poter al meglio raggiungere l’infortunato, condizionarlo con presidi sanitari e riportarlo in sicurezza a valle.

Esercitazione di soccorso di paziente in montagna, gli obiettivi da raggiungere

L’attività si prefiggeva lo scopo di affinare lo scambio di informazioni (procedure di attivazione, richiesta supporto aeromobili dell’Aviazione dell’Esercito, comunicazioni radio) al fine di rendere rapido e proficuo un eventuale impiego, qualora richiesto, della squadra soccorso per interventi reali a favore di civili in difficoltà, anche alla luce di un possibile aumento del turismo montano nel mese di Agosto.

Il valore aggiunto scaturito dall’addestramento è stato rappresentato dal confronto e dallo scambio di esperienze, fondamentale per rendere interoperabili le due entità di soccorsi.

Le Squadre Soccorso Alpino Militare – nate con il preciso scopo di supportare i militari in addestramento montano – sono composte da militari in possesso di specifiche qualifiche nei settori sciistico, alpinistico, meteo-nivologico e sanitario.

Tali qualifiche le rendono assetti peculiari dell’Esercito e delle Truppe Alpine impiegate in un ampio spettro di emergenze ed in grado di operare di concerto con gli attori del soccorso in montagna.

PER APPROFONDIRE:

SOCCORSO ALPINO “A SPASSO CON DAISY”: STORIA DI UN TRASPORTO DI PAZIENTE MOLTO MOLTO PARTICOLARE

SPEGNIMENTO INCENDI BOSCHIVI: L’ESERCITO SPEGNE ROGHI A CERVETERI

FONTE DELL’ARTICOLO:

SITO UFFICIALE DELL’ESERCITO ITALIANO

I commenti sono chiusi.