Vaccino Covid, Sileri: “La vaccinazione in farmacia è nella legge di Bilancio”

Vaccinazione anti Covid, la possibilità di effettuarla anche in farmacia si fa concreta: è stata inserita infatti nella legge di Bilancio approvata in questi giorni

Vaccinazione in farmacia: supervisione di medici, somministrata da infermieri formati

La possibilità di accedere in modo semplice al vaccino anti Covid è uno dei punti dirimenti della questione, in termini di rapidità di conclusione del primo ciclo vaccinale.

Dall’altra parte è necessario tenere salda la barra della professionalità di chi somministra: la vaccinazione non può, è chiaro, essere effettuata da chiunque.

Il viceministro alla salute ha affermato su questo tema che per il 2021 il vaccino potrà essere somministrato sotto la supervisione di medici, assistiti, se necessario, da infermieri o da personale sanitario opportunamente formato

“La possibilità di vaccinazione anti Covid nelle farmacie è stata inserita nella legge di Bilancio, approvata in via definitiva oggi dal Senato.

Per l’anno 2021 il vaccino potrà essere somministrato sotto la supervisione di medici, assistiti, se necessario, da infermieri o da personale sanitario opportunamente formato.

Si tratta di un punto molto importante, per il quale mi sono battuto, che consentirà di moltiplicare le opportunità di effettuare il vaccino accelerando il percorso verso l’auspicata protezione di gregge”.

Così in una nota il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri.

Per approfondire:

REACTION: collaborazione Italia-Svizzera per l’Infermiere di Famiglia e Comunità

Vaccinazione anti Covid, in Spagna registro di chi rifiuta il vaccino. In Italia si pensa ad un passaporto

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.