Vertice Stato-Regioni, i governatori chiedono “zona rossa fino all’Epifania”

Dal vertice Stato-Regioni di questa mattina via libera al Piano vaccini. L’incontro, convocato dal ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, è quindi proseguito, secondo quanto si apprende, con una consultazione sull’ipotesi delle maggiori restrizioni nel periodo delle festività, fermo restando il mantenimento del modello di interventi territoriali anche a gennaio.

Vertice Stato-Regioni: dalle restrizioni un dimezzamento dell’indice RT

Il modello, avrebbe detto Boccia in apertura, “ha funzionato bene e ha fatto scendere l’RT da 1.7 all’attuale 0,8 ed è ancora in discesa, anche se le reti sanitarie necessitano di essere sempre più difese e alleggerite“.

LUCA ZAIA PRESIDENTE VENETO

Tra i governatori, Luca Zaia del Veneto avrebbe proposto “misure restrittive da zona rossa fino all’Epifania“.

A sostegno di maggiori restrizioni anche i rapresentanti del Lazio, Friuli Venezia Giulia, Molise e Marche.

Secondo Zaia, “nel periodo delle festività servono restrizioni massime, se non le fa il Governo le faremo comunque noi.

La Germania- avrebbe aggiunto sempre secondo quanto si apprende- è in lockdown e a gennaio è pronta a ripartire e se non chiudiamo tutto adesso ci ritroveremo a gennaio a ripartire con una curva troppo alta.

Servono però ristori certi in parallelo alle chiusure”.

La posizione del presidente del Veneto sarebbe condivisa anche dai ministri Boccia e Roberto Speranza.

Per approfondire:

Covid, ancora 846 decessi. Rezza: “Dato drammatico, presto per parlare di aperture”

COVID-19, in Sicilia il primo trapianto di fegato tra soggetti positivi

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.