Nubifragio a Catania, oltre 100 interventi dei Vigili del Fuoco: gravi danni nella zona industriale

Nubifragio a Catania, nel capoluogo etneo oggi si contano i danni e si lavora per rimuovere le situazioni di maggiore pericolo

Sono oltre cento gli interventi effettuati dai vigili del fuoco per il nubifragio che ha colpito ieri Catania. Il bilancio lo traccia un tweet del Corpo.

Nubifragio a Catania, il racconto dei Vigili del Fuoco

Automobilisti bloccati nelle auto, alberi abbattuti e danni a molte abitazioni in una giornata difficile per la zona del Catanese.

Nel capoluogo etneo oggi si contano i danni e si lavora per rimuovere le situazioni di maggiore pericolo, come al villaggio Santa Maria Goretti, nel rione Zia Lisa, a San Giuseppe La Rena e nella zona industriale.

Operatori della Multiservizi, società partecipata del Comune di Catania, della Dusty, che si occupa della gestione dei rifiuti, e della Protezione civile regionale e comunale sono al lavoro con i vigili del fuoco per fronteggiare i danni, soprattutto ai capannoni delle aziende che operano nella zona industriale.

Il nubifragio a Catania ha causato danni a cose, ma ad ora nessuna vittima

Numerose le automobili in sosta danneggiate e le parti esterne di alcune abitazioni che sono crollate.

Decine gli alberi abbattuti dalla furia del vento e della pioggia: alcuni muri sono crollati e numerosi detriti sono ancora sulle strade e in fase di rimozione.

Il Comune di Catania, per motivi di sicurezza, ha chiuso temporaneamente il cimitero di Acquicella è stato temporaneamente chiuso.

Gli interventi nelle zone più colpisce sono coordinai dall’assessore alla Protezione civile Alessandro Porto e dal capo di gabinetto Giuseppe Ferraro, in stretto contatto con il vice sindaco Roberto Bonaccorsi.

Il Comune di Catania ricorda che per le segnalazioni di pericolo sono attivi il numero 095484000 e l’indirizzo email [email protected]

Per approfondire:

Maltempo, l’analisi dei geologi: in una settimana due alluvioni. In Sardegna, a Bitti un mudflow

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.