Terremoto in Croazia, all'alba tre nuove scosse: arrivati gli aiuti della nostra Protezione civile

Terremoto in Croazia: un risveglio da incubo, quello di una popolazione già duramente colpita nella giornata di ieri: all’alba sono state registrate tre nuove scosse

Nuove scosse di terremoto, in Croazia: la preoccupazione del sindaco di Petrinja

Il bilancio della giornata di ieri è stato tragico: si sono registrati purtroppo 7 morti e decine di feriti.

Il freddo polare che sta attanagliando questa parte d’Europa e la pandemia da COVID-19 hanno reso i soccorsi e la messa al sicuro della popolazione civile molto complicati.

Stamane, poi, tre scosse hanno fatto sobbalzare la popolazione.

In sequenza la prima di magnitudo 4.7 è stata registrata sempre nella regione di Zagabria, nei pressi di Donje Mokrice a sud di Petrinja, alle 6.15.

La seconda nelle vicinanze di Letovanic sempre in prossimità della cittadina devastata ieri, alle 6.26 di magnitudo 4.8.

La più debole si è verificata alle 6.29 (3.9). Residenti a Zagabria, Karlovac, Sisak e persino in Slovenia riferiscono di essere stati svegliati da un terremoto.

Il che ha chiaramente allarmato Darinko Dumbović, il sindaco di Petrinja: “Tutto ciò che non è ancora caduto sta cadendo dalle rovine di Petrinja.

Questa seconda notte insonne per Sisak e Banija è una grande pressione per il futuro e l’esistenza.

Stiamo affrontando tutto questo insieme”.

Terremoto in Croazia: la Protezione Civile italiana invia aiuti

I primi convogli sono partiti ieri sera nell’ambito del Meccanismo europeo di protezione civile e sono giunti stamane

“Il Presidente del Consiglio dei Ministri – recita la nota della nostra Protezione civile -, d’intesa con il Dipartimento della Protezione civile, ha disposto l’invio in Croazia di 100 tende per fronteggiare l’emergenza in atto e dare sostegno alle attività di soccorso e di assistenza alla popolazione colpite dal terremoto.

L’operazione, che rientra nell’ambito del Meccanismo europeo di protezione civile, è stata disposta a seguito della richiesta di assistenza internazionale formulata dalla Croazia alla Commissione Europea.

Le prime 50 tende, messe a disposizione dalla regione Friuli Venezia Giulia, sono partite nella notte su convogli dell’Esercito.

Nella giornata di oggi altre 50 tende, rese disponibili dalla regione Veneto, raggiungeranno la città di Petrinja”.

Cosa accaduta nella tarda mattinata.

Per approfondire:

Terremoto in Croazia, magnitudo 6.4: morti e feriti a Petrinja, centro della città raso al suolo

Sopravvivere ad un terremoto: la teoria del “triangolo della vita”

Zaino di salvataggio, strumento per sopravvivere a terremoti, alluvioni e grandi emergenze: VIDEO TUTORIAL

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Protezione Civile

I commenti sono chiusi.