Epilessia e stato epilettico: cosa fare in emergenza?

Epilessia. Lo stato epilettico (SE) è un’emergenza che può condurre ad una significativa morbilità e mortalità e richiede una diagnosi ed un trattamento immediati.

EPILESSIA, CLASSIFICAZIONE

Lo SE si distingue in generalizzato o parziale in base alle sue manifestazioni elettrocliniche.

Le linee guida per la gestione dello SE elaborate dalla LICE distinguono inoltre tre differenti stadi di SE (iniziale, definito e refrattario), sulla base del tempo intercorso dall’esordio dello stato e della responsività ai farmaci somministrati.

Il trattamento dovrebbe essere iniziato il prima possibile, in particolare nello SE generalizzato convulsivo e dovrebbe prevedere alcune misure generali di supporto alle funzioni vitali, farmaci per controllare l’attività epilettica e, laddove possibile, il trattamento della sottostante patologia alla base dello SE.

Le benzodiazepine rappresentano i farmaci di prima scelta e generalmente si preferisce il lorazepam EV per il minor rischio di ricadute precoci.

Qualora le benzodiazepine non siano in grado di controllare le crisi, il farmaco di seconda scelta è generalmente la fenitoina EV, benché anche il fenobarbital o il valproato di sodio EV possano essere presi in considerazione.

Lo SE refrattario richiede il ricovero in terapia intensiva per consentire l’adeguato monitoraggio e supporto delle funzioni respiratorie, metaboliche ed emodinamiche e dell’attività elettrica cerebrale.

In corso di SE può essere necessario procedere ad una anestesia generale.

In tal caso propofol e thiopentale rappresentano i farmaci di prima scelta, previa un’accurata valutazione dei potenziali rischi e benefici.

PER APPROFONDIRE:

STATO DI MALE EPILETTICO: CHE FARE?

FONTE DELL’ARTICOLO:

SITO UFFICIALE SITE

I commenti sono chiusi.