Tachicardia ventricolare fascicolare: come si presenta e come comportarsi

Con “tachicardia ventricolare fascicolare” si indica un’aritmia cardiaca poco comune che colpisce soprattutto soggetti maschili ed ha origine dal ventricolo sinistro. Vediamo meglio di cosa si tratta e quali sono le conseguenze.

Se sei un appassionato di telefilm a sfondo medico come Grey’s Anatomy avrai probabilmente sentito i medici dire che un paziente si sta riprendendo da una “TV”. Si tratta dell’abbreviazione di “tachicardia ventricolare”

Da un paper pubblicato dall’Italian Heart Journal evinciamo che la tachicardia ventricolare fascicolare è un tachicardia ventricolare idiopatica poco comune ma che colpisce 60/80% dei casi soggetti maschi dai 15 ai 40 anni ed ha origine dal ventricolo sinistro.

Come dovrebbe battere il tuo cuore?

Come tutti noi ben sappiamo, il cuore è l’organo muscolare che pompa il sangue attraverso il corpo ed è composto da quattro “camere”. Le due camere superiori sono chiamate atri. Le due camere inferiori sono chiamate ventricoli.

Queste quattro camere funzionano insieme per pompare ossigeno e sangue ricco di nutrienti in tutto il corpo e soprattutto gli altri organi vitali. Ogni giorno, un cuore sano di solito batte circa 100.000 volte.

I segnali elettrici regolano il battito cardiaco. Questi segnali seguono uno schema specifico, che inizia nel nodo senoatriale, che risiede nella camera superiore del cuore o nell’atrio. Questo segnale provoca la contrazione degli atri. Si sposta quindi verso il basso in un’altra parte del cuore indicata come nodo atrioventricolare, il quale comunica ai ventricoli di contrarsi. Questo è sinonimo di un buon funzionamento del nostro cuore.

Cosa succede se qualcosa non va?

Ma in condizione di tachicardia ventricolare fascicolare, i segnali elettrici nei ventricoli si interrompono in modo errato. Anche gli impulsi che emergono dal nodo sinoatriale comunemente indicato come il pacemaker naturale del cuore.

Un battito cardiaco normale nella maggior parte delle persone rimane nell’intervallo da 60 a 100 battiti al minuto. La tachicardia ventricolare fascicolare può portare a velocità fino a 170 battiti al minuto e anche di più. Le camere superiori del tuo cuore non hanno il tempo di riempirsi di nuovo e successivamente inviare quel sangue ai ventricoli.

Ciò significa che il sangue non viene pompato in modo efficiente in tutto il corpo. In alcuni casi, questa condizione può provocare la cosiddetta fibrillazione ventricolare, battiti cardiaci molto rapidi ed erratici di 300 o più al minuto. Questo è letale e avresti bisogno di un trattamento di emergenza.

 

Quali sono i sintomi di una tachicardia ventricolare fascicolare?

Potrebbe non verificarsi nessun sintomo nel paziente, nel caso in cui il cuore battesse più velocemente solo per pochi secondi. Ma nella maggior parte dei casi essa dura più a lungo e il paziente potrebbe sentire stordimento o vertigini.

Altri sintomi comuni sono:

  • Dolore al petto
  • Palpitazioni
  • Mancanza di respiro

Occasionalmente, può causare svenimenti e perdita di coscienza.

 

Come superare una tachicardia ventricolare fascicolare?

Di solito appare in persone con altri tipi di condizioni cardiache, come la malattia coronarica, che può ostacolare il flusso sanguigno. Se si presenta una condizione di salute chiamata cardiomiopatia, che fa diventare il muscolo cardiaco più grande, spesso o rigido, si hanno maggiori probabilità di tachicardia ventricolare fascicolare.

Eventuali precedenti episodi di infarto o di un intervento chirurgico al cuore potrebbero anche aumentare le possibilità di FVT.

Di seguito sono rari ma possono causare questa condizione:

  • Disturbi genetici.
  • Una discrepanza negli elettroliti, che sono minerali nel corpo che aiutano il battito cardiaco in genere.
  • Assunzione pesante di alcol o caffeina.
  • Sarcoidosi, una condizione che provoca la crescita dei tessuti infiammati nel corpo.

Alcuni tipi di medicinali o droghe ricreative.

 

Come viene diagnosticata?

Il medico esaminerà l’anamnesi e i sintomi del paziente, nonché i risultati degli esami cardiaci. Uno dei test più comuni da eseguire è chiamato elettrocardiogramma che è anche chiamato ECG o ECG. Questo test registra l’attività elettrica del cuore. Il medico potrebbe anche richiedere al paziente di sottoporsi a ciò che viene chiamato test di elettrofisiologia, che individua le aree problematiche nel cuore.

 

 

I commenti sono chiusi.