Umberto I, nuovo reparto neuropsichiatria infantile per crisi acute: “patologia emergente in età adolescenziale”

Neuropsichiatria, la complessa gestione delle crisi acute. Inaugurato ieri il nuovo reparto di Neuropsichiatria infantile dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Umberto I di Roma, diretto dal professore Vincenzo Leuzzi, alla presenza dell’assessore alla Sanita’ della Regione Lazio, Alessio D’Amato e del direttore generale del Policlinico, Vincenzo Panella.

 

NEUROPSICHIATRIA INFANTILE,  UN’ESPERIENZA PILOTA IN ITALIA

La struttura unica nel suo genere, che rappresenta un’esperienza pilota in Italia, e’ finalizzata ad accogliere soggetti in eta’ adolescenziale con esordi psichiatrici in fase acuta non gestibili in contesti clinici alternativi.

“Mancava questo tipo di servizio- dichiara Vincenzo Panella- per fa fronte alle crisi acute adolescenziali, che rappresentano una patologia emergente in una fascia d’eta’ sempre piu’ colpita rispetto agli anni passati.

E’ un servizio complesso e impegnativo da erogare- aggiunge- e abbiamo assunto 12 infermieri e 6 neuropsichiatri giovani e formati qui.

Spero sia un ulteriore passo per lo sviluppo della Neuropsichiatria in Italia”.

CONTINUITA’ DELLA NUOVA STRUTTURA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CON NEUROLOGIA E PSICHIATRIA

La struttura e’ dotata di 8 posti letto in continuita’ di cure con Neurologia e Psichiatria presenti nello stesso Istituto.

Il bacino di utenza del nuovo reparto potrebbe interessare tutto il Paese, perche’ “e’ la prima esperienza di questa natura- prosegue il direttore generale- ma sarebbe immediatamente saturo.

Per l’Italia centro-meridionale sara’ comunque il punto di riferimento e poi c’e’ la necessita’ di parlare con le altre regioni, con i servizi per la Neuropsichiatria infantile, per costruire dei percorsi e delle collaborazioni.

Il reparto- conclude- sara’ operativo dal mese di agosto”.

Per l’assessore alla Sanita’, Vincenzo D’Amato, questo “sara’ un servizio unico in Italia e parte dove e’ sorta la grande scuola della Neuropsichiatria infantile.

E’ una grande sfida che rafforza qualitativamente il sistema sanitario regionale”.

Il reparto si inserisce all’interno di un’offerta assistenziale dedicata alla Psichiatria che includera’, in funzione della gravita’ del quadro clinico, un ambulatorio, un diurno terapeutico e due reparti degenza per diverse fasce di eta’ nell’ambito dell’eta’ evolutiva.

PER APPROFONDIRE:

DAL LOCKDOWN PIU’ SINTOMATOLOGIE OSSESSIVE-COMPULSIVE NEI MINORI

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.