Alluvione in Piemonte, ingenti danni alla sede della Croce Bianca Ceva: scattano solidarietà ed aiuto

Alluvione in Piemonte: in seguito all’alluvione che ha colpito il Piemonte il 2 e il 3 ottobre la sede della Pubblica Assistenza Anpas Croce Bianca di Ceva ha subito ingenti danni con il magazzino completamente allagato e la conseguente perdita di materiali e attrezzature, nonché dei dispositivi di protezione individuale di importanza vitale per lo svolgimento dei servizi in emergenza Covid-19.

Alla richiesta di aiuto lanciata dal presidente della Croce Bianca Ceva, Filippo Dapino, hanno subito risposto le consorelle Anpas del Piemonte Croce Bianca di Fossano e l’Associazione Volontari di Protezione Civile Città di Asti fornendo la Croce Bianca di Ceva dei necessari dispositivi di protezione individuale per svolgere i servizi nell’immediato sul territorio e aiutando i volontari di Ceva a liberare dal fango i locali della sede.

Alluvione, solidarietà e aiuti dalle associazioni del Piemonte e della Liguria

La solidarietà non si è fermata al Piemonte, all’appello del presidente Filippo Dapino e di Anpas Piemonte hanno risposto le Pubbliche Assistenze Anpas della vicina Liguria che, grazie una cordata tra Croce Bianca Savona, Croce Bianca Albenga, Croce Verde Albisola, Croce Rosa Celle Ligure, Croce Bianca Finale Ligure, Croce Verde Finalborgo, Croce Verde Sestri Ponente, Croce Bianca Spotorno, Croce Bianca Andora, Croce Bianca Alassio, Croce d’Oro Albissola Marina, hanno ripristinato la dotazione di dispositivi della Croce Bianca Ceva.

A consegnare i materiali a Croce Bianca Ceva, a nome delle Pubbliche Assistenze della Liguria è stato il presidente onorario di Anpas Comitato Regionale Liguria e presidente della Croce Bianca Albenga, Dino Ardoino.  «Auguro alla Croce Bianca Ceva – ha commentato Dino Ardoino – di uscire da questa emergenza più forti e uniti di prima.

Questi disastrosi eventi insegnano a tutti noi che il mondo del volontariato è sempre presente, senza distinzione di colore delle divise».

Aiuti sono arrivati anche da Croce Bianca Garessio, Volontari Valli Monregalesi, Volontari del Soccorso di Clavesana, Croce Rossa di Peveragno, di Cuneo e di Monesiglio e dal Comune di Calizzano (Sv).

Il presidente Croce Bianca Ceva, Filippo Dapino: «La nostra sede ha avuto ingenti danni. Grazie di cuore a tutti coloro che sono intervenuti portandoci il loro aiuto e sostegno morale: le consorelle Anpas di Fossano, Asti, Garessio, Villanova Mondovì, Clavesana, le Pubbliche Assistenze della Liguria con Dino Ardoino, il Comune di Calizzano, il presidente di Anpas Piemonte Andrea Bonizzoli e le Croce Rossa di Peveragno, di Cuneo e di Monesiglio.

Ringrazio anche l’onorevole Monica Ciaburro per il suo interessamento.

Quanto ci è accaduto, ne sono convinto, ci farà crescere interiormente, rafforzando i motivi per cui abbiamo scelto di essere volontari ovvero, portare aiuto a chi soffre cercando nel limite del possibile un sorriso.

Grazie a tutti per il profuso impegno».

Danni causati dall’alluvione, le riflessioni del presidente di Anpas Piemonte

Andrea Bonizzoli, presidente Anpas Piemonte: «Gli eventi calamitosi che hanno colpito il Piemonte il 2 e 3 ottobre hanno messo a dura prova la Croce Bianca di Ceva.

Sabato 3 ottobre di prima mattina sono stato raggiunto dalla richiesta di aiuto del presidente Dapino, subito ho contattato il presidente della Croce Bianca di Fossano, Fabrizio Bergese che nel giro di poche ore ha organizzato una prima fornitura di dispositivi di protezione individuale e materiale sanitario per non fermare l’operatività della Croce Bianca di Ceva, perché nonostante il duro colpo ricevuto la principale preoccupazione del presidente Dapino e dei volontari di Ceva è stato quello di non fermarsi e di continuare a portare aiuto alle comunità duramente colpite.

Grazie ai volontari che hanno continuato a svolgere il loro compito nonostante quello che stava capitando, grazie alle Associazioni e ai volontari Anpas e Cri piemontesi e liguri che subito sono accorsi in aiuto».

Nell’alta val Tanaro a Limone Piemonte (Cn) sono caduti quasi 600 mm di acqua, quasi tutti nella giornata del 2 ottobre; valori estremi sono stati registrati anche nella stazione nel comune di Garessio (Cn) con oltre 400 mm.

La Croce Bianca di Ceva, associata Anpas, può contare sull’impegno di 83 volontari grazie ai quali nell’ultimo anno ha svolto oltre 7.300 servizi con una percorrenza di circa 300mila chilometri.

Il parco automezzi è composto da sette autoambulanze e un mezzo attrezzato per trasporto disabili e quattro autoveicoli per servizi socio sanitari.

L’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) Comitato Regionale Piemonte rappresenta oggi 82 associazioni di volontariato con 9 sezioni distaccate, 10mila volontari (di cui 3.829 donne), 5.904 soci, 492 dipendenti, di cui 62 amministrativi che, con 430 autoambulanze, 211 automezzi per il trasporto disabili, 237 automezzi per il trasporto persone e di protezione civile e 5 imbarcazioni, svolgono annualmente 520.967 servizi con una percorrenza complessiva di oltre 17 milioni di chilometri.

PER APPROFONDIRE:

MALTEMPO IN PIEMONTE: I SOCCORRITORI FRANCESI HANNO FATTO ATTENDERE SETTE ORE OLTRE 40 ITALIANI. ALLA FINE I VIGILI DEL FUOCO SCONFINANO

FONTE DELL’ARTICOLO:

SITO UFFICIALE ANPAS PIEMONTE

I commenti sono chiusi.