Ecco il software che pianifica e gestisce gli spostamenti delle ambulanze

Sono due ragazzi del iTS Enrico Fermi di Bassano del Grappa ad aver creato questo strumento capace di sostituire tutti i fogli e gli scarabocchi dei piani dei soccorritori volontari. Il software è stato donato al pronto soccorso del San Bassiano di Bassano (VI)  e sembra proprio in grado di determinare statistiche, controllare percorsi, tempistica e frequenze, al fine di ottimizzare l’utilizzo dei mezzi di soccorso a disposizione.

Una bella storia che vede protagonisti due studenti dell’ultimo anno dell ‘istituto Enrico Fermi, Matteo Bordignon e Giacomo Civiero, una bella favola che mette in risalto anche l’istruzione italiana, ultimamente anche troppo spesso biasimata.

Quello che invece è accaduto lo scorso anno in questo isitituto tecnico della provincia di Vicenza merita davvero di essere sottolineato; i due ragazzi hanno messo a disposizione dell’ospedale di San Bassiano la loro tesina della maturità al fine di realizzare il software che sono riusciti a completare dopo 9 mesi di duro lavoro, uno strumento come si è già accennato capace di: schedare, analizzare, controllare in maniera precisa e ordinata tutti i servizi di trasporto connessi al pronto soccorso.

Una storia positiva questa, che finalmente premia anche l’inventiva italiana di giovani che mettono a disposizione le proprie conoscenze per realizzare strumenti utili alla collettività, supportati da un istituto tecnico, il Fermi di Bassano, che ha saputo vedere in loro le potenzialità tipiche di un progetto importante.

La prova dell’avanzamento massivo del digitale nelle nostre vite è ormai insito anche nel settore del soccorso, gli spostamenti cartacei registrati su fogli, foglietti e quant’altro sembrano poter essere archiviati e probabilmente senza rammarico alcuno da parte degli operatori del settore.

I commenti sono chiusi.