Medici Senza Frontiere, nuove strategie all'opera nell'undicesima epidemia di Ebola nella R.D. Congo (RDC)

Medici Senza Frontiere alle prese con l’undicesima epidemia di ebola in Congo. La decima epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), che ha colpito la parte orientale del Paese tra il 2018 e l’inizio del 2020, è diventata la più grande nella storia del Paese.

L’undicesimo focolaio, attualmente in corso nella provincia di Équateur, nella parte occidentale del Paese, ha un aspetto ben diverso: progredisce a un ritmo lento, producendo piccoli cluster in aree isolate e un tasso di mortalità complessivo più basso.

Emergenza Ebola, come si è evoluta la risposta medica? Come possiamo trarre vantaggio dall’esperienza dei precedenti focolai?

Guyguy Manangama, che è alla guida delle attività di Médecins Sans Frontières (MSF) Ebola, descrive la situazione in questa intervista dopo una visita nella provincia di Équateur.

Qual è lo stato attuale dell’epidemia di Ebola nella provincia di Équateur?

L’undicesima epidemia di Ebola nella RDC è stata dichiarata il 1° giugno 2020. Da allora, 130 persone si sono ammalate e 55 sono morte a causa della malattia.

I primi casi sono stati segnalati nella città di Mbandaka, il centro amministrativo di Équateur, prima che cominciassero a comparire piccoli gruppi nei distretti più periferici.

Da allora, l’epidemia avanza lentamente.

Anche se la situazione sembra essere sotto controllo, l’esperienza dimostra che possono ancora verificarsi nuovi cluster.

Allo stesso tempo, stiamo osservando livelli significativamente più bassi di carico virale e mortalità, rispetto alla decima epidemia di Ebola, che ha colpito l’est del Paese tra il 2018 e il 2020.

La mortalità è ancora alta, al 43% oggi, ma è in calo rispetto al 67% che abbiamo visto durante l’epidemia nel Nord Kivu e nelle province dell’Ituri.

Una possibile spiegazione è che esista una sorta di immunità naturale tra gli abitanti della provincia di Équateur, dato che questa regione ha già sperimentato in passato epidemie di Ebola – più recentemente nel 2018. I serbatoi del virus sono tradizionalmente presenti in questa regione.

È possibile quindi che alcune persone possano aver sperimentato prima un’esposizione a basso livello al virus e che siano in qualche modo immuni.

Questa è solo un’ipotesi basata su osservazioni: sono necessarie ulteriori analisi per capire.

Inoltre, oggi stiamo beneficiando dei progressi scientifici compiuti negli ultimi anni, tra cui la nostra capacità di utilizzare un vaccino, e dei trattamenti curativi che si sono dimostrati efficaci negli studi clinici condotti durante la precedente epidemia nel Nord Kivu.

Quali sono le principali differenze tra la decima e l’undicesima epidemia di Ebola e come influenzano le nostre attività?

L’epidemia precedente è stata eccezionale per molti aspetti, compreso il fatto che si è verificata in un’area che non aveva mai visto la malattia prima d’ora ed era un’area di conflitto.

L’epidemia attualmente in corso è molto diversa.

Non vediamo grandi agglomerati urbani, ma casi sporadici che non sembrano diffondersi in modo lineare; in mancanza di grandi strade a lunga percorrenza, ad esempio, le comunità si spostano lungo i meandri dei corsi d’acqua della zona mentre passano da un piccolo villaggio all’altro.

Di conseguenza, i pazienti sono sparsi su una vasta area che comprende 12 dei 17 distretti sanitari della provincia.

In queste zone remote e difficili da raggiungere di foresta profonda, la navigazione sul fiume Congo rimane il miglior mezzo di trasporto per le squadre di MSF per raggiungere i centri sanitari di questa provincia, serviti da molti fiumi. Ikenge, provincia di Equateur, RDC, ottobre 2020.

Che dire dei nuovi strumenti sviluppati durante l’ultimo focolaio, tra cui il primo vaccino Ebola e i nuovi trattamenti che sono stati forniti nell’ambito degli studi clinici? Che ruolo svolgono nella risposta all’attuale epidemia?

Il vaccino è stato utilizzato nelle prime fasi dell’attuale epidemia e potrebbe aver svolto un ruolo importante nel ridurre la diffusione del virus.

La strategia si basa sulla vaccinazione di persone che hanno avuto contatti diretti o indiretti con i malati, ma nelle zone rurali e scarsamente popolate è spesso più conveniente ed efficace vaccinare l’intera comunità.

Ciò si tradurrebbe in un livello di protezione de facto più elevato. Dopo alcuni ritardi, i nuovi trattamenti sono stati introdotti anche nei centri di cura.

Oggi, questi strumenti consentono un cambiamento radicale di approccio; mentre limitare la circolazione del virus Ebola rimane un obiettivo molto importante per la risposta, gli sforzi sono ora sempre più concentrati sulla cura del paziente e sul recupero.

In precedenza, potevamo fare poco più che isolare i malati e fornire loro trattamenti sintomatici – per esempio, per la febbre o la disidratazione.

Avere a disposizione trattamenti curativi significa che il paziente e la qualità delle cure possono essere al centro dell’attenzione.

Sono stati fatti ulteriori progressi nella profilassi post-esposizione; questo include la somministrazione di anticorpi monoclonali a persone con un’alta probabilità di sviluppare la malattia, a seguito di un’esposizione ad alto rischio al virus (per esempio, attraverso il contatto con il sangue del paziente), a condizione che ciò avvenga entro 72 ore dall’esposizione.

Una delle sfide principali nel Nord Kivu e nell’Ituri è stata la reazione della gente all’arrivo dei team di risposta. Com’è il rapporto con la comunità della provincia di Équateur?

Nel nord-est della RDC abbiamo lavorato in un contesto instabile, segnato da un conflitto molto violento che ha portato a tensioni politiche per lunghi periodi di tempo.

A Équateur l’ambiente è molto più tranquillo.

Il buon rapporto tra il personale sanitario e la popolazione locale può essere attribuito anche al nuovo approccio adottato dalla risposta, che si basa sul potenziamento delle microstrutture decentrate per l’assistenza Ebola nelle strutture sanitarie locali, vicino ai pazienti e alle comunità, affidandosi agli operatori sanitari locali e limitando l’uso di grandi strutture centralizzate e di personale importato.

In breve, sosteniamo la rete sanitaria locale per identificare, isolare e curare i pazienti con la malattia di Ebola, riducendo al minimo la necessità di un sistema parallelo.

Abbiamo promosso questo approccio già nel 2019, affrontando la precedente epidemia in Oriente.

Ora è stato adottato da tutti coloro che sono coinvolti nella risposta medica, compreso il Ministero della Salute, e presenta molti vantaggi.

I grandi centri di cura non sono né apprezzati dalle comunità né facilmente accettati dai pazienti e dalle loro famiglie; sono ermeticamente sigillati, impenetrabili… scatenano paura.

L’incomprensione e l’ostilità che i centri hanno generato nel 2018 e nel 2019 hanno prodotto reazioni dure, a volte molto violente.

Avendo la possibilità di essere trattati più vicino a casa, in strutture conosciute e accessibili alle loro famiglie, i pazienti sono molto più disposti a farsi avanti in caso di sintomi.

Se sono effettivamente infettati dall’ebola, anche il ricovero anticipato aumenta le loro possibilità di guarigione.

Quando abbiamo inviato le nostre squadre mobili, abbiamo anche tenuto conto delle più ampie esigenze sanitarie delle persone oltre all’Ebola; questo ha anche contribuito molto alla buona accettazione delle nostre squadre da parte delle comunità.

Questo virus mortale sta finalmente iniziando a sembrare una malattia molto grave ma curabile – e anche in qualche misura prevenibile attraverso la vaccinazione – piuttosto che una minaccia biologica.

Per approfondire:

Congo, dopo 3.500 contagi e 2.280 morti proclamata la fine dell’epidemia di ebola nel nord-est

Come funziona il primo mezzo anti ebola della Croce Rossa Italiana

Coronavirus, Miccio (Emergency): “Così dopo ebola salviamo vite a Bergamo”

Congo, un volontario della Croce Rossa: “Ho sconfitto ebola e ora informo sul coronavirus Covid-19”

Read The English Article

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Medici Senza Frontiere MSF

I commenti sono chiusi.