Missioni umanitarie, intervista ad un’anestesista della Croce Rossa internazionale

Parliamo di missioni umanitarie. Anestesista, Nathalie è appassionata del suo lavoro. Stanca dell’approccio manageriale alla sanità in Francia che, secondo lei, è paragonabile a quello di un’azienda, ha deciso di esercitare la sua professione in modo diverso.

Negli ultimi cinque anni ha alternato periodi di pratica in un ospedale in Francia e vacanze per il CICR sul campo.

Ha così trovato un equilibrio dedicando dai tre ai sei mesi all’anno alle vittime dei conflitti.

“Quando ho sentito parlare per la prima volta di missioni ad hoc con il Comitato Internazionale della Croce Rossa, non sono stata davvero tentata dall’esperienza.

Avevo paura dell’impatto che la violenza e il combattimento avrebbero potuto avere su di me, dal momento che non ne conoscevo affatto.

Poi, dopo averne discusso con i colleghi che lavoravano per il CICR, mi sono detta che avrei presentato domanda.

Mi sono detta “Se non riesco a gestire la situazione, vado a casa”.

Il mio primo incarico è stato in Sud Sudan.

Cosa hanno in comune le tue diverse missioni umanitarie?

Sono tutte uniche.

In Afghanistan, ho fatto molte valutazioni della situazione.

Ho anche condotto la formazione medica per i caregiver che erano lì.

Ma non ero molto coinvolta nelle operazioni.

Al momento mi trovo a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo.

Qui le cose sono diverse.

Sono davvero l’unica anestesista sul posto.

Pertanto, sono sempre disponibile.

Devo anche adattarmi alla situazione, con attrezzature, tecniche e farmaci a volte limitati.

Rispetto a queste missioni umanitarie, c’è un ricordo che rimarrà impresso nella tua memoria per sempre?

Quando ero in Sud Sudan , ho incontrato una donna piuttosto anziana.

Lei, non la potrò proprio mai dimenticare.

Quando è arrivata al nostro ospedale, aveva una ferita aperta alla gamba.

I suoi parenti avevano avvolto la ferita in foglie di banana.

Le sue ossa erano tenute in posizione da una stecca fatta in casa, creata con due enormi cucchiai di legno.

Quando abbiamo disimballato la ferita, era infetta e piena di vermi …

Due settimane prima, era stata colpita da un proiettile mentre lavorava la sua terra.

Erano passate due settimane da quando aveva subito una ferita che era certamente insopportabile.

Se non fossimo intervenuti, sarebbe senza dubbio morta tra dolori lancinanti.

L’abbiamo curata come meglio potevamo, ma non siamo riusciti a salvarle la gamba.

Abbiamo dovuto amputarla, ma almeno è sopravvissuta.

È stata poi seguita dai nostri colleghi protesisti, che le hanno regalato una protesi, per consentirle di riprendere una vita un po ‘più normale.

Interiormente, cosa ti portano queste missioni umanitarie?

Lavorare per l’ICRC è un’incredibile avventura umana.

Imparo molto dai miei colleghi, dal mio lavoro ma anche da me stessa.

A seconda delle nostre culture, alcune cose possono sembrare ovvie, ma non del tutto.

Ad esempio, ho messo in dubbio alcune delle mie “verità” perché non erano tali per il chirurgo pakistano con cui stavo lavorando.

Ho imparato a capire che tutti noi avevamo le nostre verità basate sulla nostra cultura e sulle nostre esperienze.

Rispondendo in tema di anestesia, amo quello che faccio in missione.

È un lavoro basato soprattutto sullo spirito di squadra.

Consenti al chirurgo di essere in grado di svolgere il proprio lavoro, evitando che i pazienti soffrano o addirittura muoiano.

Quello che mi piace anche di questo lavoro è riuscire a trasmettere le conoscenze che ho accumulato in anni di esperienza.

Che consiglio daresti agli anestesisti che desiderano partecipare a missioni umanitarie?

Quando decidi di intraprendere una missione umanitaria, devi prima essere maturo e poi essere consapevole dei tuoi limiti, debolezze e bisogni.

Devi essere consapevole dei meccanismi su cui puoi fare affidamento per gestire al meglio la tua ansia, tristezza, irritabilità, incomprensioni con i tuoi colleghi e talvolta anche la tua solitudine.

Detto questo, se una missione ha senso per te e sei in grado di adattarti a ogni situazione, con scorte e farmaci limitati, provaci! La soddisfazione che ne ricaverai sarà forte.

Da parte mia, ho avuto la possibilità di vivere esperienze arricchenti e di portare a termine compiti che non avrei mai svolto in Francia “.

PER APPROFONDIRE:

ECUADOR, CROCE ROSSA AL LAVORO PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL VULCANO SANGAY

RIENTRO DALLA MISSIONE, LE OTTO REGOLE DA RISPETTARE

FONTE DELL’ARTICOLO:

BLOG DI CICR

I commenti sono chiusi.