Dengue

Definizione

La febbre dengue, più conosciuta semplicemente come dengue, è una malattia infettiva tropicale causata da quattro virus molto simili (Den-1, Den-2, Den-3 e Den-4), ognuno dei quali garantisce un’immunità a vita per quel tipo, mentre comporta solamente una breve e non duratura immunità nei confronti degli altri. Essa è trasmessa agli esseri umani dalle punture di zanzare, principalmente dalle zanzare Aedes aegypti, che hanno punto una persona infetta. Non si ha quindi contagio diretto tra esseri umani, anche se l’uomo è il principale ospite del virus. Il virus circola nel sangue] della persona infetta per 2-7 giorni, e in questo periodo la zanzara può prelevarlo e trasmetterlo ad altri.

Sintomi

La malattia si presenta con febbre, cefalea, dolore muscolare e articolare, oltre al caratteristico rash simile a quello del morbillo. In una piccola percentuale dei casi si sviluppa una febbre emorragica pericolosa per la vita, con trombocitopeniaemorragie e perdita di liquidi, che può evolvere in shock circolatorio e morte.

Terapia

Non esistendo una vaccinazione efficace, la prevenzione si ottiene mediante l’eliminazione delle zanzare e del loro habitat, per limitare l’esposizione al rischio di trasmissione. La terapia si basa sull’idratazione in caso di una forma lieve-moderata di malattia e, nei casi più gravi, sulla somministrazione endovenosa di liquidi e sull’emotrasfusione.

I commenti sono chiusi.