Ecografia Doppler

Cos’è

L’Ecografia Doppler è un metodo che viene utilizzato per analizzare arterie e vene; essa serve a valutare la morfologia dei vasi sanguigni, la loro pervietà, la presenza di malformazioni, restringimenti o occlusioni. Tale metodo è in grado anche di definire la gravità e di porre indicazioni alla terapia, che può essere, a seconda dei casi, medica o chirurgica. Inoltre, in presenza di problemi a carico dei vasi, l’Eco-Doppler permette generalmente anche di definirne la gravità e di porre le indicazioni alla terapia, che può essere medica o chirurgica a seconda dei casi. Durante l’ecografia, il paziente si sdraia su un lettino o, in alcuni casi, rimane in piedi; la stanza deve avere una temperatura confortevole che oscilla tra i 22 e i 25 gradi, poiché è necessario evitare che il freddo causi una vasocostrizione, cioè un irrigidimento dei vasi, provocando così una diminuzione del volume di sangue circolante nei vasi superficiali, causa di gravi problemi diagnostici. L’ecografia viene così effettuata: la parte del corpo da sottoporre all’analisi deve essere scoperta, facendo attenzione a rimuovere soprattutto gli indumenti che stringono; sulla superficie del corpo del paziente, in corrispondenza del vaso da analizzare, il medico muove una particolare sonda in grado di emettere ultrasuoni, che vengono riflessi dalle varie strutture del corpo e, ritornando alla sonda, creano sul monitor l’immagine del vaso. Solitamente per facilitare il passaggio degli ultrasuoni tra la sonda e la pelle, viene utilizzato un gel particolare che va spalmato sulla superficie cutanea del paziente. L’esame ha una durata variabile da soggetto a soggetto, che è mediamente 15-20 minuti circa.

Fonti

www.periltuocuore.it

I commenti sono chiusi.