Immobilizzazione

Cos’è

L’immobilizzazione è una pratica di primo soccorso necessaria quando si è in presenza di un ferito con fratture che potrebbero essere ulteriormente peggiorate durante la fase di trasporto da luogo dell’incidente all’ospedale. La cosa migliore, in presenza di un infortunato, è attendere l’intervento dei soccorsi qualificati dotati di apposite attrezzature medicali, come steccobendasteccobenda a depressionecollare cervicalebarella a cucchiaiomaterassino a depressione e così via. Se questo non fosse possibile è necessario improvvisare delle immobilizzazioni con mezzi di fortuna. Bisogna sempre tenere a mente che in caso di frattura, la parte deve essere tenuta in trazione. In questo modo si evita che i monconi possano danneggiare i tessuti. Inoltre l’infortunato ne trae solitamente un sollievo e una diminuzione del dolore.

In cosa consiste

Nel caso di una sospetta frattura di un arto si può cercare di steccarlo, con delle stecche di legno o comunque dei sostegni rigidi, avvolti in stracci, giornali, indumenti, e successivamente, bendati e fasciati. Nel caso di una frattura di una gamba, in mancanza di meglio, si può usare l’arto sano come sostegno.

Nel caso si fosse in presenza di lesioni alla colonna vertebrale, l’immobilizzazione dell’infortunato è fondamentale. Se viene leso il midollo spinale, si va incontro a un danno irreversibile, che può portare alla paralisi o alla morte. Il trasporto richiede alcune attrezzature apposite e un soccorso qualificato. In casi di estrema urgenza (incendio, fughe di gas), l’infortunato può essere trasportato da almeno 3 soccorritori, meglio se in 5. Prima del trasporto si deve mettere in trazione il paziente. La mano sotto la testa deve tirare verso l’esterno mentre dall’altra parte, bisogna che anche i piedi siano tirati in direzione opposta. Le mani dei soccorritori devono poi scivolare sotto le gambe, i glutei e la schiena, molto aperte e tese, a formare un piano rigido. I soccorritori devono essere coordinati e sollevare il paziente contemporaneamente, mantenendone il corpo sempre perfettamente in asse e allineato. Successivamente l’infortunato va posto su un piano rigido e legato e immobilizzato, prima del trasporto.

I commenti sono chiusi.