Ipovolemia: che cosa succede quando subiamo una deplezione di sangue?

Definizione

L’Ipovolemia consiste in una diminuzione della massa di sangue circolante nel nostro corpo, si può verificare quando sono presenti emorragie interne, esterne, perdite di acqua e sali dalle vie escretrici, vale a dire reni e intestino, o dalla cute.

Cause

Le cause principali possono essere una forte emorragia esterna o interna, perdite cutanee come una sudorazione eccessiva e le ustioni gravi, perdite gastrointestinali, vale a dire vomito e diarrea, e infine perdite renali.

Sintomi

I sintomi creati dall’Ipovolemia sono sudorazione fredda, pallore cutaneo, tachicardia e repentina caduta della pressione arteriosa.

Diagnosi

Per diagnosticare lo shock ipovolemico occorrono almeno quattro di questi sintomi: aspetto sofferente o stato mentale alterato, BE<-5 mEq, Diuresi <0,5 ml/Kg/ h, Ipotensione arteriosa di durata minore di 20 minuti, frequenza cardiaca minore di 100 battiti al minuto, frequenza respiratoria > 22/min.

Cura

Uno shock ipovolemico va curato immediatamente poiché può portare alla morte. E’ necessario somministrare alla persona in stato di shock la giusta quantità di liquidi per ricostruirne la mancanza.

I commenti sono chiusi.