Spirale Contraccettiva

Definizione

La spirale è considerata un importante ed efficace metodo alternativo per la contraccezione: La spirale è di fatto un piccolo dispositivo che può avere diverse forme, dispositivo che viene inserito nell’utero della donna da un medico, un ginecologo; quest’operazione viene effettuata il più delle volte durante la mestruazione, una volta inserito il dispositivo, viene lasciato lì per alcuni anni. 
La spirale contraccettiva è anche nota come IUD, acronimo anglosassone di Intra Uterine Device: l’effetto anticoncezionale è causato dall’impedimento della fecondazione così come dall’ostacolo dell’impianto in utero dell’embrione.

IUD ormonali e IUD al rame sono le tipologie di spirali presenti in commercio.

I tipi di Spirale Contraccettiva, sono 2, ormonale e al rame

La spirale ormonale è un oggetto in plastica formato da una sorta di membrana semipermeabile contenente progesterone: la spirale, una volta infilata dentro la cavità uterina, rilascia piccole quantità di ormone che impediscono la fecondazione

La spirale al rame esercita un’ottima azione spermicida: infatti il rame, a livello dell’utero, libera i suoi ioni impedendo la fecondazione dell’ovulo ed ostacolando la sopravvivenza degli spermatozoi. L’azione contraccettiva può variare dai 3 ai 5 anni, dipende quale spirale si intende adottare. La scelta dipende comunque dal ginecologo, che a seconda del caso clinico, prescrive quella più consona per il paziente.

I commenti sono chiusi.