Codice verde a pagamento, rischio rivoluzione nell’emergenza pre-ospedaliera

Codice verde a pagamento, rischio rivoluzione nell’emergenza pre-ospedaliera

Ridurre le spese, migliorare i servizi, eliminare il “superticket” sulle visite specialistiche: la riforma del sistema sanitario entra nel vivo con una discussione molto complicata. Le Regioni propongono il pagamento da parte dei codici verdi per l’accesso al Pronto Soccorso

banche-soldi-euroROMA – Codice verde a pagamento. Per gestire al meglio i costi della sanità italiana potrebbe essere questa la grande novità in arrivo nei prossimi anni, un cambio decisamente radicale nel sistema di Pronto Soccorso che fino a oggi, per le prestazioni urgenti, è sempre stato gratuito in tutte le Regioni. Questo cambiamento potrebbe portare all’annullamento dei cosiddetti “superticket” da 10 euro sulle visite specialistiche: la riforma del sistema di pagamento deve garantire una invarianza di gettito per le Regioni, e tra le ipotesi pensate per migliorare i risultati, c’è quella di rendere il codice verde alla stregua del codice bianco: una prestazione sottoposta a pagamento minimo.

Di queste e di altre proposte si è discusso oggi in occasione del primo incontro al ministero della Salute del Tavolo di confronto per la riforma del sistema dei ticket sanitari, che vede riuniti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, gli assessori regionali, tecnici e rappresentanti del ministero dell’Economia e dell’Agenas.

Nel settore dell’emergenza-urgenza si parla e si polemizza da tempo sulla possibilità di far pagare alcuni ticket prestazionali, alla stregua di quanto già avviene per alcune attività svolte con servizi di punta come gli elisoccorso (che sono a pagamento quando attivati impropriamente da persone non attrezzate e non in pericolo di vita, sulle Alpi).
L’incontro romano è servito a fare il punto sulle problematiche che si potrebbero incontrare. La conclusione del tavolo è stato che è necessario avviare, come primo passo, una raccolta dati a livello regionale per comprendere esattamente la variegata situazione del sistema di compartecipazione alla spesa sanitaria sul territorio nazionale. Raccolta dati della quale si occuperanno i tecnici, in vista della prossima riunione del Tavolo fissata entro fine aprile.

Il nodo, ha spiegato al termine dell’incontro l’assessore alla Sanità del Veneto, Luca Coletto, “è togliere i superticket, che creano diseguaglianze, ma vanno necessariamente trovate delle entrate alternative per le Regioni”. Da qui alcune delle prime ipotesi sul tavolo, come quella di introdurre appunto un contributo per i Codici verdi al Pronto soccorso – attualmente è previsto un ticket sui soli Codici bianchi – o quella, ha detto, “di modulare la contribuzione alla spesa sanitaria in base al reddito Isee”.

E “tempi stretti per la revisione dei ticket” sono annunciati dal coordinatore degli assessori regionali alla Sanità, Antonio Saitta: “I tecnici – ha spiegato – lavoreranno ora alla raccolta dei dati regionali sui ticket e sulle esenzioni dalla compartecipazione alla spesa sanitaria, ed entro la fine di aprile ci sarà una nuova riunione. E’ fondamentale, infatti, conoscere i dati prima di entrare nel merito delle proposte”.

La cornice dentro la quale ci si muove, ha quindi precisato, “è quella dell’articolo 8 del Patto della Salute, che prevede appunto l’invarianza di gettito”. Oggi, si è quindi definito “il metodo per l’elaborazione dei dati: bisogna infatti focalizzare il problema, dal momento che ci sono Regioni con sistemi di esenzione differenti”.

Ad ogni modo, ha concluso Saitta, “la preoccupazione principale è di evitare che ticket troppo elevati portino i pazienti ad andare verso il privato. Questo è un problema che affronteremo”.

 

 

COME FUNZIONANO I TICKET OGGI? LA TABELLA DA QUOTIDIANOSANITÁ

Valle d’Aosta 25 euro
Piemonte 25 euro
Liguria 25 euro (Fino a 61,15 euro con prestazioni)
Lombardia 25 euro

Trento

25 euro (Fino a 75 euro con prestazioni). Si pagano fino a max 50 euro le prestazioni in codice verde

Bolzano

50 euro per casi non urgenti + tariffa per ogni prestazione specialistica fino ad una max di 100 euro – 15 euro per casi giustificati senza ricovero
Veneto 25 euro + ticket specialistica per eventuali prestazioni
Friuli Venezia Giulia 25 euro
Emilia Romagna 25 euro per la visita, Fino a 36,15 con prestazioni
Toscana Importo massimo 50 euro + 10 euro per digitalizzazione
Marche 25 euro
Umbria 25 euro
Lazio 25 euro
Abruzzo 25 euro
Molise 25 euro
Campania 25 euro
Basilicata 25 euro

Puglia

25 euro. Fino 36,15 con prestazioni specialistiche

Calabria

25 euro – fino a 45 euro con prestazioni specialistiche
Sicilia 25 euro
Sardegna 25 euro. 15 euro per codici verdi senza ricovero

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X