Organizzazione della rete di soccorso e uso dell'ambulanza in Pakistan

Ambulanza in Pakistan, quali usi e quale organizzazione? L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sottolinea pesantemente l’importanza dei servizi medici di emergenza (EMS) per ridurre la mortalità associata agli incidenti stradali (RTA) e alle condizioni acute sensibili al tempo come il dolore al petto, l’ictus ecc.

La valutazione e il trattamento tempestivi possono migliorare notevolmente gli esiti della sopravvivenza del paziente (1-5).

L’uso riportato dei servizi EMS è solo il 4,1% nella popolazione dei paesi a basso e medio reddito (LMIC) rispetto al 14,2% al 30% nei paesi ad alto reddito (6).

Questa differenza potrebbe essere attribuita alla scarsa disponibilità ed efficienza di strutture come servizi di ambulanza, personale paramedico e triage (7).

Gli studi suggeriscono che con l’uso corretto dell’EMS nei LMIC, quasi il 90% dei decessi dovuti all’RTA potrebbe essere ridotto al 45% e quasi un terzo dei decessi dovuti ad altre cause potrebbe essere evitato (1,2).

Uso dell’ambulanza in Pakistan, la mancanza di linee guida EMS

In Pakistan, per molti anni non c’è stato un protocollo e linee guida EMS adeguati.

La maggior parte dei servizi sono stati resi da un’organizzazione filantropica chiamata Edhi Foundation (EF) che ha ricevuto il riconoscimento nel libro dei Guinness dei primati per aver creato la più grande rete di ambulanze volontarie in tutto il mondo.

Secondo le statistiche del marzo 2016, più di 1.800 ambulanze private di EF sono state dislocate in diverse aree urbane e rurali del Pakistan, comprese le strade interurbane (8).

Lo scopo principale di questo servizio era quello di raggiungere il luogo dell’incidente e trasportare immediatamente i pazienti all’ospedale vicino.

Oltre a questo, queste ambulanze erano anche usate per trasportare i pazienti tra diverse strutture sanitarie o per trasferire i cadaveri dall’ospedale alla loro dimora come servizio pubblico (9, 10).

Anche se l’EF ha servito e continua a servire il paese creando un accesso efficiente e facile per i pazienti feriti per raggiungere l’ospedale, mancava di personale addestrato e di assistenza paramedica.

Pakistan, l’ambulanza nel sistema Rescue 1122

Nel 2004, il sistema di assistenza pre-ospedaliera finanziato dal governo, chiamato Rescue 1122 è stato istituito nella provincia del Punjab.

I suoi servizi sono stati inizialmente offerti a Lahore, ma gradualmente si sono estesi a tutte le principali città della provincia del Punjab (9).

Le loro ambulanze sono dotate di dispositivi di tracciamento e comunicazione wireless per monitorare e migliorare l’efficienza del sistema, garantendo un tempo medio di risposta di sette minuti con personale paramedico addestrato con le competenze necessarie per controllare i parametri vitali del paziente, fare l’esame fisico e la valutazione.

Ha anche incluso la fornitura al paziente del supporto vitale di base, la CPR, la gestione dell’emorragia, lo shock, le ustioni, le fratture, il midollo spinale o altre lesioni.

Rescue 1122 sta anche contribuendo alla formazione dei soccorritori del fuoco e dell’acqua insieme ai soccorritori in caso di disastri ed emergenze.

Hanno anche iniziato un programma di sicurezza della comunità per educare i cittadini alle abilità di base per il salvataggio della vita.

Finora, i loro servizi di ambulanza d’emergenza hanno salvato milioni di vittime di emergenze mediche acute, disastri e specialmente incidenti stradali a causa dell’esitazione della gente ad aiutarli per ragioni medico-legali (10).

Anche se le iniziative prese da Rescue 1122 e poche altre organizzazioni filantropiche hanno migliorato lo stato delle cure pre-ospedaliere in molte città del Punjab, nelle province sottosviluppate del Pakistan manca ancora un sistema adeguato di EMS.

Tuttavia, il governo del Pakistan, insieme a queste organizzazioni, è probabile che in un prossimo futuro si arrivi a riforme adeguate che potrebbero essere applicabili in tutto il Pakistan.

Articolo scritto per Emergency Live dalla dottoressa Rabia Anees

Per approfondire:

Read The English Article

COVID-19 in Pakistan, dopo lo stop per il coronavirus riprendono le vaccinazioni antipolio: bambini raggiunti porta a porta

Sindrome infiammatoria multisistemica associata a COVID-19 nei bambini in Pakistan: studio su The Lancet

Riferimenti e fonti dell’articolo:

1) Zia N, Shahzad H, Baqir S, Shaukat S, Ahmad H, Robinson C, Hyder AA, Razzak J. Ambulance use in Pakistan: un’analisi dei dati di sorveglianza dai dipartimenti di emergenza in Pakistan. BMC Emerg Med. 2015;15 Suppl 2(Suppl 2):S9. doi: 10.1186/1471-227X-15-S2-S9. Epub 2015 Dec 11. PMID: 26689242; PMCID: PMC4682417. Uso dell’ambulanza in Pakistan: un’analisi dei dati di sorveglianza dai dipartimenti di emergenza in Pakistan (nih.gov)

2) Kobusingye OC, Hyder AA, Bishai D, Hicks ER, Mock C, Joshipura M. Emergency medical systems in low and middle-income countries: recommendations for action. Bull World Health Organ. 2005 Aug;83(8):626-31. Epub 2005 Sep 22. PMID: 16184282; PMCID: PMC2626309. PubMed (nih.gov)

3) Asimos AW, Ward S, Brice JH, Rosamond WD, Goldstein LB, Studnek J. Out-of-hospital ictus precisione schermo in uno stato con un protocollo di servizi medici di emergenza per l’instradamento dei pazienti ai centri ictus acuti. Ann Emerg Med. 2014 Nov;64(5):509-15. doi: 10.1016/j.annemergmed.2014.03.024. Epub 2014 Apr 18. PMID: 24746847. PubMed (nih.gov)

4) Dinh MM, Bein K, Roncal S, Byrne CM, Petchell J, Brennan J. Ridefinire l’ora d’oro per grave trauma cranico in un ambiente urbano: l’effetto dei tempi di arrivo pre-ospedaliero sui risultati del paziente. Lesione. 2013 maggio;44(5):606-10. doi: 10.1016/j.injury.2012.01.011. Epub 2012 Feb 14. PMID: 22336130. PubMed (nih.gov)

5) Fassbender K, Balucani C, Walter S, Levine SR, Haass A, Grotta J. Razionalizzazione della gestione pre-ospedaliera ictus: l’ora d’oro. Lancet Neurol. 2013 Jun;12(6):585-96. doi: 10.1016/S1474-4422(13)70100-5. PMID: 23684084. PubMed (nih.gov)

6) Marinovich A, Afilalo J, Afilalo M, Colacone A, Unger B, Giguère C, Léger R, Xue X, Boivin JF, MacNamara E. Impatto del trasporto in ambulanza sull’uso delle risorse nel dipartimento di emergenza. Acad Emerg Med. 2004 Mar;11(3):312-5. doi: 10.1111/j.1553-2712.2004.tb02218.x. PMID: 15001417.

7) Roudsari BS, Nathens AB, Arreola-Risa C, Cameron P, Civil I, Grigoriou G, Gruen RL, Koepsell TD, Lecky FE, Lefering RL, Liberman M, Mock CN, Oestern HJ, Petridou E, Schildhauer TA, Waydhas C, Zargar M, Rivara FP. Servizio medico di emergenza (EMS) sistemi nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Lesione. 2007 Sep;38(9):1001-13. doi: 10.1016/j.injury.2007.04.008. Epub 2007 Jun 20. PMID: 17583709. PubMed (nih.gov)

8) https://cpecbulletin.com/2017/04/21/pakistan-has-the-worlds-largest-ambulance-service-guinness-record/

9) Waseem H, Naseer R, Razzak JA. Stabilire un servizio di emergenza pre-ospedaliera di successo in un paese in via di sviluppo: l’esperienza del servizio Rescue 1122 in Pakistan. Emerg Med J. 2011 Jun;28(6):513-5. doi: 10.1136/emj.2010.096271. Epub 2010 Sep 15. PMID: 20844094. PubMed (nih.gov)

10) Razzak JA, Hyder AA, Akhtar T, Khan M, Khan UR. Valutare l’assistenza medica di emergenza nei paesi a basso reddito: uno studio pilota dal Pakistan. BMC Emerg Med. 2008 Jul 3;8:8. doi: 10.1186/1471-227X-8-8. PMID: 18598353; PMCID: PMC2464585. -PubMed (nih.gov)

11) ::: Rescue 1122 Sito ufficiale :::

I commenti sono chiusi.