Come saranno le nuove ambulanze Fiat Ducato MY 2020?

Tecnologia, comfort e funzionalità: ecco quali evoluzioni avranno i Fiat Ducato MY 2020 per l’allestimento delle ambulanze che serviranno milioni di italiani

Il mercato delle autoambulanze negli ultimi 10 anni ha subito molti cambiamenti. Nonostante i cambi normativi, le diverse necessità dei pazienti e il tipo di soccorso da effettuare, è sempre rimasta al centro del servizio una colonna portante insostituibile. Stiamo parlando del Fiat Ducato, modello di furgone prodotto da FIAT Professional nello stabilimento di Atessa (CH). Questo veicolo – ormai giunto alla quinta serie – dal 1981 è la base su cui tutti gli allestitori realizzano la maggior parte dei veicoli sanitari per il 118 e i trasporti dei pazienti.

Il miglior Ducato di sempre

Dal mese di ottobre questo veicolo arriverà nelle concessionarie con importanti novità, che saranno apprezzate in particolar modo dagli autisti soccorritori e dai pazienti. I motori Multijet 2 con caratteristiche Euro6D, il cambio automatico a 9 velocità, e le novità tecnologiche lo rendono il miglior Ducato di sempre, con in più la possibilità di avere una versione Full-Electric, sviluppato con progetti pilota inediti e molto avanzati. La concentrazione per il settore sanitario va soprattutto alla trazione e al cambio. Il 9 rapporti Fiat è estremamente leggero e quindi non incide sul peso finale dell’allestimento. Sarà possibile così avere il cambio automatico anche sui mezzi pensati per trasportare un carico maggiore, proprio come i veicoli di emergenza.

Le caratteristiche del Fiat Ducato per allestire ambulanze

Gli spazi interni delle ambulanze che verranno allestite su Fiat Ducato non cambieranno. Il piano di carico resterà fra i più bassi della categoria, avvantaggiando il caricamento delle barelle e riducendo la possibilità di inciampare nei gradini. La forma più squadrata del van Fiat permette inoltre di avere una ergonomia estremamente razionale. Gli allestitori delle ambulanze potranno proseguire il lavoro di sviluppo su pareti e agganci certificati, garantendo così il tradizionale vantaggio degli allestimenti Ducato: praticità, semplicità e spazi standardizzati in ogni zona d’Italia. Negli ultimi trent’anni le soluzioni pratiche di allestimento hanno sempre trovato una risposta seria e affidabile in Fiat, perché il marchio italiano ha creduto ed investito nelle richieste degli allestitori, anche con una versione ambulanziabile del Fiat Ducato che presenta freni maggiorati e due pneumatici immatricolabili.

Le ambulanze su Fiat Ducato nelle foto scattate durante REAS 2019

La tecnologia sul Fiat Ducato MY 2020

Dettaglio del nuovo motore Fiat Ducato 2020

Il motore Multijet 2 offrirà dai 120 ai 180 cavalli di potenza, sempre con una cilindrata di 2,3 litri. Saranno però diverse le alimentazioni, con il prepotente arrivo dell’alimentazione a metano. Il nuovo turbocompressore e la geometria dei pistoni sono le chicche principali del mezzo, che avrà una migliore efficienza della combustione e la possibilità di ridurre i consumi, grazie ad una elettronica ottimizzata che può fornire diverse mappature e quindi diverse risposte del gas a seconda del tipo di servizio da effettuare. Niente più ambulanze bolse quando si opera in emergenza, e soprattutto niente più motori poco trattabili quando a bordo c’è un paziente che necessità di una guida dolce e tranquilla per essere trasportato, per esempio, senza produrre scossoni dolorosi.

Perché scegliere un mezzo Fiat Ducato MY 2020?

DSC_fiat ducato 2020 trasporto chiusoSarà possibile – soprattutto nella versione da 180 cavalli – trovare parecchia coppia motrice, capace di spingere il Fiat Ducato fuori dal traffico e il più rapidamente possibile verso gli ospedali e i Pronto Soccorso di riferimento. Accelerazione e ripresa infatti sono i due aspetti più importanti nella guida in emergenza, e l’ambulanza deve rispondere con rapidità agli stimoli e alle necessità dell’autista socccorritore. Anche per questo l’elettronica è un vantaggio non indifferente, coniugato al cambio automatico a 9 velocità. Le modalità di guida NORMAL, ECO e POWER possono essere modificate in ogni istante, e i sistemi di supporto alla guida ADAS garantiscono il controllo totale del mezzo in ogni situazione. Il Full Brake Control permette di individuare gli ostacoli in caso di collisione immediata, il Lane Departure Warning System segnala la fuoriuscita del veicolo dalla carreggiata di percorrenza, e infine l’Engine Idle Preset, che permette di incrementare il regime minimo del motore per alimentare le apparecchiature elettromedicali di bordo installate nel vano sanitario. Il potere illuminante dei sistemi di carico inoltre, passano da una stima di 40 lux nel perimetro ad una stima di 70 lux, molto più efficienti.

La tecnologia Traction+ e i 9 rapporti, perfetti per le ambulanze

cambio 9 rapporti fiat professional ducato 2020Infine una peculiarità davvero utile nelle situazioni di disimpegno più complesse, come i terreni viscidi, è il sistema di controllo della trazione Traction+. Si tratta di una tecnologia che aiuta a disimpegnare l’ambulanza su fondi a scarsa aderenza. Questo vuol dire che, quando diventa complicato partire su terreni come erba umida, fango, sabbia o anche ghiaccio e neve, con un semplice tasto in plancia si attiva una funzione che trasferisce la coppia alla ruota con più aderenza. In presenza dell’ESC, la centralina del sistema rileva lo slittamento e frena, trasferendo la coppia motrice sulla ruota con maggiore presa sul terreno. In questo modo la partenza risulta subito facilitata e si riesce a disimpegnarsi in situazioni altrimenti quasi impossibili. Muoversi diventa più agevole, la guidabilità e la stabilità direzionale migliorano nettamente. Naturalmente, ricordiamo che il sistema può essere attivato solo a basse velocità, ovvero fino a 30 km/h.

 

I commenti sono chiusi.