Brasile, il presidente rifiuta il vaccino COVID-19 e definisce le mascherine “l'ultimo tabù”

COVID-19 in Brasile, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha dichiarato che non accetterà personalmente alcun vaccino COVID-19 e ha definito l’uso di maschere per limitare la diffusione della malattia “l’ultimo tabù a cadere”.

I commenti di Bolsonaro, trasmessi giovedì sera sui suoi canali social, hanno allarmato gli esperti sanitari che hanno affermato di poter minare gli sforzi per raggiungere i livelli di vaccinazione essenziali per fermare la pandemia e potrebbero spaventare i produttori di vaccini che negoziano con le autorità locali.

Bolsonaro ha anche detto, tuttavia, che qualsiasi iniezione di vaccino, certificata dall’agenzia sanitaria brasiliana, sarà disponibile gratuitamente al pubblico.

Brasile, in realtà è proprio il presidente Bolsonaro uno dei contagiati da COVID-19

Il presidente brasiliano, che ha contratto il virus a luglio, ha resistito a lungo al consiglio della maggior parte degli scienziati e degli esperti sanitari di limitare l’attività sociale ed economica, sostenendo che i danni da un blocco sarebbero peggiori della pandemia.

Ha anche ripetutamente promosso un farmaco antimalarico come cura per la malattia, nonostante gli studi scientifici lo trovassero inefficace e forse pericoloso.

“Te lo dico, non prenderò (nessun vaccino). È un mio diritto e sono sicuro che il Congresso non creerà difficoltà a chi non vuole prendere un vaccino”, ha scritto.

“Se è efficace, duraturo, affidabile, chi non lo prende farà del male solo a se stesso, e chi prende il vaccino non sarà infettato. Non c’è nulla di cui preoccuparsi”, ha aggiunto Bolsonaro.

Le misure di allontanamento sociale risolutive per COVID-19 in Brasile e nel mondo

Uno studio pubblicato il 15 luglio sull’American Journal of Preventive Medicine ha rilevato che le misure di allontanamento sociale possono essere interrotte in sicurezza se almeno il 75% della popolazione riceve un vaccino che è efficace per oltre il 70%.

I test hanno dimostrato che alcuni candidati vaccini hanno un’efficacia potenziale superiore a quella.

“Le dichiarazioni di Bolsonaro sono un segno orribile”, ha detto Miguel Lago, direttore esecutivo dell’Istituto brasiliano per gli studi sulla politica sanitaria, che consiglia i funzionari della sanità pubblica.

“Se fosse un presidente meno popolare, questo potrebbe avere scarso effetto, ma è l’eroe di molte persone”, ha detto Lago all’Associated Press.

“I suoi sostenitori accaniti potrebbero non avere una possibilità e questo genererà più controversie politiche sul diritto di non farsi vaccinare. Ciò renderà più difficile per il Brasile superare quel livello minimo di 70, 75 per cento della popolazione vaccinata, che è fondamentale. affinché la vita torni a una sorta di normalità “.

Alcuni gruppi sensibili, come i malati di cancro e le donne incinte, potrebbero non essere in grado di assumere i vaccini COVID-19 e saranno comunque suscettibili al virus.

Pandemia da COVID-19, Brasile secondo soltanto agli USA

Più di 171.000 persone sono morte di COVID-19 in Brasile, la nazione di Bolsonaro è seconda solo agli Stati Uniti.

Bolsonaro ha anche messo in dubbio l’uso di maschere per fermare la diffusione nonostante la maggior parte degli esperti di salute, incluso Lago, affermano che numerosi studi dall’inizio della pandemia li hanno trovati efficaci.

“La questione delle maschere, ci sarà uno studio serio prima o poi per parlare dell’efficacia della maschera”, ha detto Bolsonaro. “È l’ultimo tabù a cadere.”

All’inizio della pandemia, Bolsonaro si è avventurato spesso fuori dal palazzo presidenziale brasiliano smascherato per salutare i sostenitori, cosa che ha fatto meno frequentemente dopo aver contratto lui stesso il virus.

Per approfondire:

COVID-19, gli USA e l’ “esbargo” di Cuba: Itolizumab adottato in Stati Uniti, Messico e Brasile

Vaccino COVID-19, in Brasile muore volontario della sperimentazione di AstraZeneca-Oxford: il test prosegue

Fonte dell’articolo:

Agenzia CGTN

I commenti sono chiusi.