Catanzaro, medici e soccorritori 118 in sit-in di protesta: contratto sospeso dall'Asp

Catanzaro, una giornata di rivendicazione contrattuale, quella vissuta da medici ed operatori del 118

118 Catanzaro, i motivi della protesta:

L’Asp di Catanzaro, infatti, ha deciso una sospensione del contratto regionale (complimenti vivissimi, un’ottima scelta di tempi, dato il periodo), che è invece normalmente applicato nel resto della regione, fatta salva Crotone.

E anche per i propri colleghi crotonesi i manifestanti di oggi hanno protestato.

Oltre a ciò il sit-in ha riguardato le condizioni di lavoro, che si sono fatte via via più pesanti con lo scorrere dei mesi di pandemia COVID-19.

Rispetto alla situazione contrattuale è prevista la discussione in tribunale attorno a marzo.

Una delegazione composta da un medico, un infermiere ed un autista di ambulanza è stata quindi ricevuta dal neo commissario alla Sanità Longo, che ha assicurato la presa in esame della situazione esposta.

Non resta che attendere e vedere se alle buone intenzioni seguiranno i fatti.

Per approfondire:

COVID-19 in Basilicata, la lettera alle istituzioni dei medici del 118: “noi, eroi usa e getta”

Lecce, la protesta dei volontari del 118: “noi, esclusi dal vaccino anti Covid”

“Valzer n. 118 Dell’Ambulanza”: dal giovane compositore Francesco Mauri un tributo ai soccorritori in epoca Covid

Foggia, rubano ambulanza 118 a Borgo Incoronata: ritrovata alcune centinaia di metri più avanti

Fonte dell’articolo:

Corriere della Calabria

I commenti sono chiusi.