Coronavirus Calabria, nessun motivo di Gaudio né di Speranza: il commissario in pectore rinuncia all’incarico

Emergenza coronavirus in Calabria, Gaudio: “Sarebbe una sfida importante, ma la famiglia per me è un valore”. Il suo nome era stato indicato solo ieri dal Consiglio dei ministri

Eugenio Gaudio indicato ieri dal Consiglio dei ministri come commissario alla sanità in Calabria è prossimo a formalizzare la rinuncia all’incarico. Alla base delle dimissioni dell’ex rettore dell’università Sapienza di Roma ci sarebbero “motivi personali”.

EMERGENZA CORONAVIRUS IN CALABRIA, GAUDIO: “MIA MOGLIE NON VUOLE TRASFERIRSI A CATANZARO”

“Motivi personali e familiari me lo impediscono”.

Cosi’ il rettore uscente della Sapienza Eugenio Gaudio, intervistato da Corrado Zunino di Repubblica, spiega il motivo della rinuncia all’incarico di commissario.

Gaudio precisa: “Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro.

Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare”.

C’entra l’ansia per un lavoro diverso da quello di medico e rettore? “Sarebbe una sfida importante, ma la famiglia per me è un valore”.

PER APPROFONDIRE:

Emergenza Covid in Calabria, Gino Strada: “Tandem con Gaudio semplicemente non esiste”

Coronavirus, controlli dei Nas nelle Rsa: 40% di irregolarità nelle misure anti-Covid. Due chiusure e quattro arresti

Sanità, Regione Calabria ordina conversione di 244 posti letto Covid

FONTE DELL’ARTICOLO:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.