Coronavirus: rallenta la diffusione, ma occorre stare in allerta

Rallenta la diffusione del Coronavirus in Italia. Oggi i dati diffusi dal ministero della Salute registrano 320 nuovi casi e 4 morti.

Complessivamente il totale dei casi dall’inizio della pandemia si attesta a 254.235 mentre i deceduti arrivano a 35.400. Gli attualmente positivi sono 14.867 con un incremento di 134 rispetto a ieri. I dimessi dalle strutture ospedaliere sono 182 in più. E’ evidente che la diffusione del coronavirus sia diminuita ma non dobbiamo abbassare la guardia.

DIFFUSIONE CORONAVIRUS IN ITALIA: NEL LAZIO 51 CASI POSITIVI, LA METÀ D’IMPORTAZIONE

“Oggi registriamo 51 casi e zero decessi. La metà di questi casi è di importazione. Sei i casi di rientro dalla Sardegna con link a una festa a Porto Rotondo, otto gli operatori sanitari riferiti al cluster della casa di cura delle Ancelle Francescane del Buon Pastore (Asl Roma 1). I casi di importazione o che riguardano giovani di rientro da vacanze provengono: dieci da Grecia (quattro da Corfù), otto i casi di rientro da Spagna, tre i casi da Croazia, due casi da Ucraina, due casi da Malta e un caso da Francia. Dopo l’aeroporto di Fiumicino sono partiti anche a Ciampino i test rapidi, i viaggiatori ringraziano i nostri operatori sanitari per la professionalità che stanno dimostrando”. Cosi’, in una nota, l’assessore alla Sanita’ della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 

IN EMILIA-ROMAGNA ALTRI 41 CASI, 12 DI RIENTRO DALL’ESTERO

Oggi si contano 41 nuovi casi positivi al coronavirus in Emilia-Romagna, di cui 18 asintomatici. In particolare, tra questi nuovi contagi, 12 sono collegati a vacanze o rientri dall’estero, otto sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti e 22 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone. A livello provinciale, i numeri più elevati si registrano a Reggio Emilia con 13 nuovi casi, di cui cinque asintomatici. In particolare, spiega la Regione, sono 11 i casi già in isolamento domiciliare al momento della diagnosi, individuati con attività di contact tracing, e otto quelli riconducibili direttamente o indirettamente a rientri dall’estero, nello specificio Corfù e India. Negli altri territori, oggi si contano tre nuovi casi a Piacenza, tutti sintomatici, sei a Parma (due sintomatici), cinque a Bologna (quattro sintomatici), uno a Ferrara (sintomatico), sette a Ravenna (tre sintomatici), quattro a Forlì (uno sintomatico) e due a Cesena (un sintomatico). Nessun nuovo contagio a Modena, Imola e Rimini. In tutto dall’inizio dell’epidemia da coronavirus in Emilia-Romagna si sono registrati 30.477 casi di positività. Anche oggi non si registrano decessi.

DIFFUSIONE CORONAVIRUS: IN VENETO 48 CASI SU 13.919 TAMPONI TRA RIENTRI DA ESTERO

Negli ultimi tre giorni i tamponi effettuati da cittadini rientrati in Veneto dopo una vacanza all’estero sono 13.919, e di questi 48, ovvero lo 0,344%, sono risultati positivi. Questi i dati aggiornati alle 10.30 di oggi, diffusi nel pomeriggio dalla Regione Veneto. Nello specifico, la Ulss 8 Berica ha effettuato 1.221 tamponi (provenienza 74% Croazia, 15% Grecia, 10% Spagna, 1% Malta), senza riscontrare alcun caso di positività, così come la Ulss 1 Dolomiti, che ha invece effettuato 587 tamponi (provenienza 90,1% Croazia, 2,6% Grecia, 6,1% Spagna, 1,2% Malta).

 

PER APPROFONDIRE

Primo brevetto per un vaccino anti-COVID, la notizia arriva dalla Cina

Coronavirus, torna la paura: 24 positivi a COVID-19 in una casa di cura a Roma

COVID, aumentano ancora i contagi: 574, con 3 decessi. L’epidemiologa: “il virus non si è indebolito”

 

FONTE DELL’ARTICOLO

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.