COVID-19 in Bangladesh, la situazione negli ospedali nelle varie regioni del paese

Covid-19 in Bangladesh. Lo scoppio dell’epidemia da coronavirus ci ha messo in una crisi globale senza precedenti, esponendoci a un nuovo tipo di minacce ed emergenze umane.

Questo virus è stato confermato per la prima volta nel marzo 2020 in Bangladesh.

L’Istituto di epidemiologia, controllo e ricerca sulle malattie (IEDCR) in Bangladesh ha segnalato i primi 3 casi conosciuti l’8 marzo 2020.

In seguito, questa pandemia si è diffusa in tutto il paese, giorno per giorno, e il numero di morti e di morbilità è aumentato.

La fase 1 dell’epidemia COVID-19 in Bangladesh

Per proteggere la nostra popolazione e limitare la diffusione del COVID-19 in Bangladesh, il governo ha dichiarato un lockdown di 38 giorni dal 23 marzo al 30 maggio, in tutta la nazione.

Anche il nostro dipartimento sanitario adotta alcune misure preventive per contrastare quest’ emergenza. Il tasso di infezione sembrava essere basso a marzo, ma in aprile abbiamo visto un aumento nel grafico.

I nuovi casi erano cresciuti di quasi il 1155% in Bangladesh l’11 aprile, il tasso più alto dell’Asia.

Tra marzo e aprile 2020, il tasso di riproduzione di COVID-19 in Bangladesh ha raggiunto quasi 2, il che significava che una persona infetta poteva trasmettere il virus ad altre 2 nuove persone.

Il Bangladesh, un Paese di 170 milioni di persone, è molto popolato e ha registrato la sua prima morte per COVID-19 il 18 marzo 2020.

Gli ospedali del Bangladesh alle prese con l’emergenza COVID-19

Nonostante la sua popolazione, abbiamo solo 1.169 posti letto in terapia intensiva, il che significa 0,72 posti letto per ogni cittadino del lakh.

Tra i 1.169 posti letto, l’ospedale governativo ha solo 432 posti letto in terapia intensiva, il resto si trova negli ospedali privati.

Negli ospedali di tutto il Bangladesh ci sono solo 550 ventilatori.

A causa dell’elevato fabbisogno di letti per terapia intensiva e ventilatori, il 21 marzo 2020 l’IEDCR ha annunciato l’istituzione di altri 150 letti per il trattamento COVID-19 nel Paese.

L’8 aprile altri 112 posti letto per terapia intensiva sono stati creati in diversi ospedali del Paese.

Il nostro Paese ha dovuto affrontare casi di rifiuto delle cure mediche per  timore della trasmissione di COVID-19.

Si sono verificati diversi casi in cui i medici hanno negato il trattamento a pazienti senza certificazione per il coronavirus o con sintomi come il COVID-19.

Per esempio, uno studente dell’Università di Dhaka, Suman Chakma, è morto dopo aver cercato cure in diversi ospedali di Dhaka per curare il suo cancro ai polmoni.

L’autorità ha riportato casi simili in diversi ospedali, dove alcuni funzionari si sono rifiutati di curare i pazienti.

Alcuni ospedali hanno anche falsificato i certificati COVID-19 e li hanno venduti ai migranti e questo ha leso la reputazione del Bangladesh nella società internazionale.

Tuttavia, l’autorità ha intrapreso un’azione forte contro queste strutture, come il Reagent Hospital di Dhaka.

Dopo diversi incidenti, il governo del Bangladesh è diventato più vigile e si è opposto a questi incidenti.

Il Ministero della Salute del Bangladesh ha intrapreso diverse azioni legali contro gli ospedali che hanno negato le cure.

Tuttavia, in questo momento la situazione è sotto controllo e la gente sta prendendo facilmente le cure dagli ospedali.

Articolo scritto per Emergency Live dal Dr. Shamsul Alam Roky 

Per approfondire:

Bangladesh, quale impatto di COVID-19 sui neonati nei paesi a medio e basso reddito? Uno studio sui neonati ricoverati al Dhaka Shishu Hospital

Read The Italian Article

I commenti sono chiusi.