Covid, Ricciardi: “Serve un lockdown, le zone arancioni non basteranno”

Covid, Ricciardi sulle zone: “Bastano per cercare di tenere l’epidemia in una situazione stabile ma non per farla diminuire”, dice il consulente del ministero della Salute

Ricciardi a Radio Popolare: zone insufficienti a ridurre Covid

La campagna di vaccinazione degli over 80 in Italia non inizierà prima della fine di febbraio o della prima settimana di marzo”.

Lo ha detto a ‘Radio Popolare’ Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, che auspica “un lockdown vero di tre o quattro settimane“, perchè le zone arancioni “non basteranno.

Bastano- spiega- per cercare di tenere l’epidemia in una situazione stabile ma non per farla diminuire.

Se insistiamo con questo atteggiamento di dilazione e di esitazione e non siamo pronti a testare e tracciare sarà un lungo stillicidio di mesi sia dal punto di vista sanitario che economico e psicologico.

E’ una evidenza scientifica chiara, dispiace che i governi europei non lo capiscano”.

Compreso quello italiano?

“Tutti i governi non capiscono una evidenza scientifica”.

Sulle varianti del virus, osserva: “La variante inglese è presente ma non sappiamo quanto e dove, non sequenziamo abbastanza.

Prenderà il posto della attuale, non è questione di giorni ma di settimane o mesi.

La guerra lunga, se non la si combatte con armi appropriate si resta indietro“.

Per approfondire:

COVID-19, il racconto di un italiano sulla variante esplosa a Londra: “nuovo ceppo porta stanchezza e mal di testa”

COVID-19, ceppi e varianti: in Lombardia ben 7 già ad inizio epidemia

Stop vaccini COVID-19, Sileri: “Per gli over 80 slittano di un mese”

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.