Decreto rilancio, Speranza: “Tre miliardi e 250 milioni per il Sistema sanitario nazionale”

Con il “decreto rilancio” vengono stanziati 3 miliardi e 250 milioni di euro per il Servizio sanitario nazionale. Ad annunciarlo il ministro della Salute, Roberto Speranza, al termine del Consiglio dei ministri di ieri sera che ha varato il documento e che ha di fatto sancito un’intesa in tema di sanitari, per esempio rispetto al bonus da mille euro da dedicare a medici ed infermieri.

 

“È una cifra molto più alta di quella che usualmente lo Stato investiva in un intero anno sul Sistema sanitario nazionale – ha spiegato il ministro -, ci volevano due, tre anni per una cifra di questo tipo, invece in un colpo solo abbiamo cifre molto importanti”.

La cifra, va da sé, allevierà non poco l’enorme pressione sull’ Azienda sanitaria locale di ciascun territorio, dal più remoto e minuto a quello più esteso delle metropoli.

E aiuterà anche lo sviluppo del mai tanto importante argomento della formazione in emergenza sanitaria, con protocolli procedurali che si sono nel tempo evoluti e adeguati alle nuove conoscenze rispetto alle caratteristiche del coronavirus covid-19.

EMERGENZA-COVID, UNA RETE TERRITORIALE PIÙ VICINA

Grazie al decreto ci saranno risorse importanti per rafforzare la rete territoriale.

Vengono individuate soluzioni per le professioni sanitarie maggiormente provate da questi mesi di emergenza.

“Ci siamo resi conto come questa sia la vera chiave per affrontare l’epidemia – ha dichiarato Speranza -.

Mettiamo in campo 9600 infermieri, con la figura dell’infermiere di famiglia, e investiamo in particolare sui servizi domiciliari alle persone fragili che farà passare l’Italia dal 4 per cento della platea di assistiti al 6,7 per cento, cioè lo 0,7 per cento in più della media Ocse”.

SISTEMA SANITARIO NAZIONALE: UNA RETE OSPEDALIERA PIÙ FORTE

Molte risorse verranno utilizzate anche per potenziare la rete ospedaliera.

“Con questo decreto – ha continuato il ministro – si arriverà a 11.109 posti in terapia intensiva, il 115 per cento in più di quelli che avevamo prima dell’emergenza Covid.

Non sappiamo quello che ci aspetta, gli esperti parlano della possibilità di una seconda ondata. Dobbiamo essere pronti”.

SISTEMA SANITARIO NAZIONALE, NUOVE ASSUNZIONI

Il ministro Speranza ha infine dato notizia di altri 240 milioni per nuove assunzioni e 190 milioni per incentivi ai medici, infermieri e a tutto il personale sanitario.

“Abbiamo trovato risorse anche per finanziare altre 4200 borse di specializzazione – ha aggiunto -.

Il Servizio sanitario nazionale è una pietra preziosa e investire su questa pietra preziosa serve a rendere il nostro Paese più forte”.

PER APPROFONDIRE:

KIT ANTIGENE RAPIDO, IL GIAPPONE NE TESTA UNO CHE DA’ RISPOSTE IN POCHI MINUTI

PLASMA IPERIMMUNE, NAPOLI INIZIA SPERIMENTAZIONE CON DONATORI GUARITI

COVID-19, LA PSICOLOGA: LA DISREGOLAZIONE EMOTIVA HA COLPITO TUTTI

CORONAVIRUS, IN LOMBARDIA NUOVA BANCA PLASMA IPERIMMUNE

FONTE:

MINISTERO DELLA SALUTE

I commenti sono chiusi.