Emergenza Covid, SET 118 in affanno. Il presidente OPI Bari: attivare ambulanze Victor e le auto infermieristiche

SET 118 in grande affanno: in Puglia come in molte zone d’Italia i soccorritori dell’emergenza devono da ormai 9 mesi fronteggiare la più importante pandemia della storia moderna dell’uomo, quella da COVID-19

Il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Bari, Saverio Andreula, ha inviato una nota al presidente della Regione Puglia, all’assessore alle Politiche della Salute e al direttore del Dipartimento promozione della Salute della Puglia, nella quale viene data una proposta organizzativa e funzionale che “determinerebbe un concreto aiuto e sostegno alle innumerevoli criticità date dal particolare momento pandemico provocato dal Sars-Cov-2”.

SET 118 in difficoltà, la missiva mandata dal presidente OPI Saverio Andreula

“Il SET 118 è in difficoltà per il volume di attività indotto dal momento pandemico.

Il numero di chiamate e d’interventi effettuati è aumentato numericamente e nella loro qualità e complessità.

Recenti fatti di cronaca e non solo – scrive Andreula – hanno evidenziato l’inadeguatezza del sistema, messo a dura prova rispetto ai nuovi scenari che la pandemia da Covid-19 determina, in particolar modo, sulla durata degli interventi”.

“Le missioni del 118 nelle specifiche di pazienti sospetti e/o accertati da Covid-19 divengono sempre più lunghe e complesse non già per la caratterizzazione dell’intervento ma, per lungaggini che ne conseguono in termini di accettazione all’interno degli ospedali di destinazione che spesso hanno oggettive difficoltà recettive.

Il perdurare di situazioni di attesa, anche per ore, all’interno dei pronto soccorso depauperano e, quindi, sviliscono l’attività primaria del 118 finalizzata a garantire tempi rapidi di soccorso e il rispetto della golden hour per le patologie tempo dipendenti”.

Il SET 118 ha bisogno di una mano: auto infermieristiche ed ambulanze Victor sono la soluzione

“La proposta che ci permettiamo di formulare – scrive – consiste nell’attivazione di ambulanze aggiuntive tipo Victor (con soli soccorritori) e l’attivazione di auto mediche infermieristiche (le auto infermieristiche, del resto, sono potenziate in altri luoghi, ndr) che dovranno intervenire in situazioni laddove il dispach d’intervento identifica codici minori e la valutazione sanitaria è di competenza infermieristica”.

“Qualora il paziente non richiedesse accompagnamento sanitario in pronto soccorso – aggiunge – egli sarà affidato ai soli soccorritori per la destinazione indicata.

In questo modo, la valutazione sanitaria sarebbe garantita, nel solco tracciato con le linee d’indirizzo regionali che prevedono un sanitario per la quasi totalità dei mezzi di soccorso e, l’automedica infermieristica potrebbe nuovamente essere operativa a supporto di altri scenari minori che rappresentano la maggior parte degli interventi”.

“La proposta – sottolinea il presidente dell’Opi Bari -, attuata anche in altre regioni, può rappresentare una soluzione a un problema reale nelle more del fatto che, in ogni caso, il sistema va implementato sia nei mezzi sia negli operatori sanitari.

Una task force “inter forze” per la buona efficienza del servizio 118

Questa task force di uomini e mezzi garantirebbero una risposta più rapida ai numerosi interventi che in questo momento inficiano sulla buona efficienza del 118, sarebbe garantita al paziente una valutazione sanitaria, sarebbero garantiti i tempi d’intervento rendendoli più congrui a un sistema che si definisce d’emergenza, assicurando o quantomeno avvicinando le tempistiche ordinarie di missione soprattutto per quelle patologie tempo dipendenti laddove, causa ritardi, potrebbe essere pregiudicata sia l’outcome del paziente che la vita dello stesso”.

“Quanto esplicitato – conclude Andreula – sarebbe di facile realizzazione nell’effettiva considerazione che le associazioni di volontariato hanno già mezzi congrui (magari utilizzando le ambulanze secondarie che sono del tutto simili alle ambulanze primarie) e personale già formato che può essere impiegato immediatamente, se attuato aiuterebbe significativamente il sistema”.

Per approfondire:

Evoluzione di una professione, l’Autista Soccorritore: “su un’ambulanza o automedica ci sono professionalità diverse e tutte egualmente importanti”

Ambulanza infermieristica o “India”? Andiamo alla scoperta degli equipaggi del sistema anglosassone

I commenti sono chiusi.