I° Maggio, le ambulanze non restano nei box

Un I Maggio storico, quello del 2020, che verrà a lungo ricordato per la nota emergenza sanitaria in atto.

 

I° maggio e lavoro:

Ci si attendeva una “fase 2 ” che potesse far ricominciare appieno IL LAVORO, ma che purtroppo non si è verificata.

Ci si augura che la totale ripresa avvenga in occasione della Festa della Repubblica, il prossimo 2 Giugno.

Una festa, quella di oggi, che però non lascia le ambulanze ai box , ma che ha visto un grosso cambiamento di rotta rispetto allo scorso anno.

E così il mondo del soccorso ha adeguato le risorse per far si che gli equipaggi delle ambulanze , oltre ad essere tutelati, non siano veicolo per trasmettere il coronavirus.

Da alcuni mesi vediamo personale che scende dai mezzi di soccorso vestiti da “palombaro”, una sanificazione al termine dei servizi senza eguali.

La paura nel soccorritore non si è mai tramutata in ansia, ha semplicemente adeguato il modo di agire, in funzione delle attuali necessità.

Il ritorno alla normalità significherà una lenta ripresa di alcune attività di soccorso che ora sono diminuite come, ad esempio, i traumi stradali.

La ripresa al tutte le attività in Italia significherà un domani effettuare una nuova formazione atta a coniugare l’utilizzo dei presidi per il soccorso traumatico, alla necessità di non mettere da parte quanto si è imparato in questi mesi in termini di pulizia e sanificazione dei mezzi.

Il professionista del soccorso non si è fermato in questi mesi, nemmeno lo fa per la festa del lavoro.

BUON I MAGGIO A TUTTI!

PER APPROFONDIRE:

IL SALUTO DEL 118 FERRARA A CATIA CASELLI

I commenti sono chiusi.