Misericordie Calabria Basilicata, dopo quattro anni fine del commissariamento: nasceranno due nuove federazioni

Dopo quasi 4 anni la Federazione delle Misericordie Calabria Basilicata si prepara a chiudere il commissariamento dando origine a due soggetti regionali differenti.

Il commissario straordinario Gionata Fatichenti ha rimesso nelle mani dei fratelli e delle sorelle delle due regioni il destino del movimento calabro lucano che, a breve, si organizzerà in due federazioni diverse, anche se sempre strettamente collegate, seguendo le linee guida dettate dallo statuto confederale e della riforma del terzo settore.

L’annuncio del commissario Fatichenti rispetto alle Misericordie di Calabria e Basilicata

La decisione è stata presa durante l’assemblea della Federazione, svoltasi online, alla quale hanno partecipato oltre al commissario Fatichenti e le Misericordie delle due regioni.

Durante l’assemblea è stato anche presentato il nuovo Correttore delle Misericordie della Calabria designato dalla Conferenza Episcopale regionale che è Don Vincenzo Schiavello che, secondo l’auspicio del commissario, è “segno di speranza e rinnovamento”.

Oltre all’approvazione all’unanimità dei bilanci nello stesso modo, come detto, è stata approvata la creazione di due Federazioni Regionali che nasceranno, grazie ad un tavolo composto da 5 confratelli scelti dalle Misericordie di Calabria e Basilicata.

Il tavolo, entro il 1 aprile darà avvio alle procedure per la nascita delle due federazioni.

Tutti i partecipanti all’assemblea hanno accolto l’invito del commissario Fatichenti “di andare avanti con la certezza – ha detto – di non essere soli e il coraggio di voltare pagina non per dimenticare quello che è stato, ma per guardare con fiducia a quello che potrà essere”.

Per approfondire:

Misericordie d’Italia, Ugo Bellini nuovo presidente facente funzioni della Confederazione

Covid 19: le Misericordie d’Italia terranno una Via Crucis in ricordo dei Volontari morti per covid

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Misericordie d’Italia

I commenti sono chiusi.