Sardegna, Coronavirus in un resort: 26 i casi positivi

Lo annuncia il sindaco dell’isola La Maddalena. Sono 26 i positivi al Coronavirus dopo i tamponi effettuati sulle 470 persone, tra ospiti e lavoratori, bloccate in via precauzionale nel resort dell’isola di Santo Stefano dove nei giorni scorsi un lavoratore è risultato positivo a Covid-19.

Due post su Facebook del sindaco de La Maddalena, Luca Montella rivelano i contagi di coronavirus in un resort. Nel primo il sindaco scrive: “Per dovere vengo ad informarvi che, in attesa che vengano processati gli ultimi 24 tamponi (per i quali è sorto un problema tecnico) il numero dei positivi della struttura di Santo Stefano sale a 24, 19 dei quali fanno parte del personale. E poi in un secondo momento il primo cittadino aggiunge: “Aggiornamento della situazione sull’ultimo mio post. Due i positivi sugli ultimi 24 tamponi”.

 

Contagi di coronavirus in un resort in Sardegna: parla il sindaco de La Maddalena

Quindi Montella assicura che “ci stiamo attivando per individuare quali siano quelli residenti sul territorio e quali no. Stiamo anche attivando tutte le procedure rimesse alla competenza comunale. In attesa di conoscere le indicazioni ed i protocolli che detterà la autorità sanitaria, cui è rimesso il compito di disegnarne il percorso ed il tracciamento dei contatti stretti, faccio invito a tutti ad intensificare la osservanza delle norme comportamentali di prudenza, distanziamento ed igiene”. Ma “niente panico- rimarca il sindaco nella prima comunicazione su Facebook-. Sarete contattati e seguiranno altre informazioni. Altra norma logica di prudenza insegna, per il bene di tutti, l’evitare, mediante autoisolamento, contatti ulteriori, anche in famiglia. Forza, insieme ce la si fa. Non sarete soli!”.

 

PER APPROFONDIRE

Coronavirus, torna la paura: 24 positivi a COVID-19 in una casa di cura a Roma

Primo brevetto per un vaccino anti-COVID, la notizia arriva dalla Cina

“Mettete la mascherina”: botte tra i clienti in un locale di Riccione

Medici e Covid: visite specialistiche dimezzate per paura del contagio

 

FONTE DELL’ARTICOLO

www.dire.it

I commenti sono chiusi.