Scialpinista disperso sul monte Caio, dopo 5 giorni sospese le ricerche

Sull’appennino parmense è diffusa l’ondata di maltempo che, d’altronde, sta attanagliando tutto il nord Italia. Questo ha determinato una sospensione delle ricerche dello scialpinista 52enne scomparso ormai 5 giorni or sono

Scialpinista disperso sul monte Caio, la nota CNSAS Emilia-Romagna

“Si sono concluse nel pomeriggio di oggi 2 gennaio 2021 – recita una nota del CNSAS Soccorso Alpino e Speleologico Emilia-Romagna – le ricerche dello scialpinista in zona Schia, purtroppo senza esito.

Le operazioni verranno sospese fino a quando non ci saranno degli standard di sicurezza più accettabili.

Questa decisione è stata presa collegialmente dall’ Ufficio del Governo di Parma, dal CNSAS, dai Vigili del Fuoco, dai Carabinieri Forestali e dalla Protezione Civile e condivisa anche i sindaci dei due comuni interessati nella zona della ricerca, Palanzano e Tizzano Attualmente persiste una condizione meteo di grande instabilità e le previsioni nel prossimi giorni non promettono nulla di buono.

Le ricerche dello scialpinista disperso riprenderanno quando le condizioni di sicurezza torneranno accettabili

Questa situazione di instabilità, non solo dal punto di vista meteo, ma anche dal punto di vista ambientale dove il manto nevoso è molto abbondante e sono presenti accumuli di neve, portati dal vento, che superano i tre metri con forte rischio di distacchi (ultimo bollettino valanghe rischio elevato 4) non è possibile proseguire.

Appena le condizioni diventano più accettabili sul piano della sicurezza, il CNSAS sarà pronto a riprendere le operazioni ricerca mettendo in campo tutte le risorse disponibili”.

Per approfondire:

Monte Caio, proseguono le ricerche dello scialpinista disperso: incombono maltempo e neve

GeoResQ, una app per la sicurezza in montagna

Fonte dell’articolo:

CNSAS Soccorso Alpino e Speleologico Emilia-Romagna

I commenti sono chiusi.