Sudafrica, Università di Stellenbosch protagonista di uno studio su HIV: il progetto PETITE e la protezione di neonati e bambini

Sudafrica, i ricercatori dell’Università di Stellenbosch hanno deciso di individuare un trattamento più sicuro ed efficace per quei neonati e quei bambini ad alto rischio di contrarre l’HIV. E’ lo scopo del progetto PETITE, intrapreso assieme all’Università di Chiang Mai, in Thailandia

“I bambini con HIV costituiscono una piccola parte della popolazione sieropositiva, e solo poche formulazioni di farmaci antiretrovirali e pochi dati farmacocinetici sono attualmente disponibili per un trattamento ottimale”, ha detto il Prof. Adrie Bekker del Dipartimento di Pediatria e Salute Infantile della Facoltà di Medicina e Scienze della Salute (FMHS) della SU.

“Abbiamo fatto progressi significativi nel campo dell’HIV, ma rimane una lacuna per quanto riguarda la prevenzione e il trattamento ottimale dei bambini nati da donne con HIV”.

Sudafrica: il progetto PETITE e l’importanza dei trattamenti preventivi per l’HIV

Bekker e il dottor Tim Cressey dell’Università di Chiang Mai in Thailandia sono i principali ricercatori dello studio PETITE, che valutano la farmacocinetica e la sicurezza di una nuova combinazione a dose fissa (FDC) 4 in 1 formulazione in granuli (abacavir/lamivudina/lopinavir/ritonavir) nei neonati esposti all’HIV.

Lo studio è finanziato da Unitaid nell’ambito del più ampio progetto BENEFIT Kids condotto dal Desmond Tutu TB Centre di SU.

Il progetto BENEFIT Kids mira principalmente a migliorare l’accesso dei bambini a un migliore trattamento e prevenzione della tubercolosi multifarmacoresistente, e ha incluso questo studio complementare e di vitale importanza per questa popolazione di neonati molto trascurata.

“Questo studio è guidato da una carenza di ricerca ad alta priorità individuata dal Gruppo di Ottimizzazione dei farmaci antiretrovirali pediatrici (PADO) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2018.

Da allora abbiamo presentato il protocollo di studio al Gruppo PADO e ne condivideremo i risultati man mano che progrediremo.

Se si dimostrerà efficace e sicuro, questo studio ha il potenziale per informare la politica globale”, ha detto Bekker.

L’impatto della trasmissione dell’HIV da madre a bambino in Sudafrica

Sebbene la prevenzione efficace dei programmi di trasmissione da madre a figlio abbia avuto un impatto importante sulla riduzione della trasmissione dell’HIV da madre a figlio a livello globale (< 1% in Sudafrica), ci sono ancora donne incinte che non sono in cura o non sono soppresse viralmente al momento del parto.

I bambini nati da queste madri possono essere ad alto rischio di contrarre l’HIV. “In questi scenari, in cui i neonati sono ad alto rischio di sviluppare l’HIV, o che sono infettati dall’HIV alla nascita, c’è sicuramente un ruolo per una terapia antiretrovirale combinata più efficace”, ha aggiunto Bekker.

Nei Paesi ad alto reddito la tripla terapia farmacologica è raccomandata per i neonati ad alto rischio di contrarre l’HIV, ma pochissimi antiretrovirali sono effettivamente approvati per l’uso nei neonati (definiti come i primi 28 giorni di vita).

Le formulazioni attualmente disponibili sono anche difficili da somministrare ai neonati – le madri e chi si prende cura di loro devono usare una siringa per misurare volumi specifici che cambiano con l’aumento di peso del bambino.

Inoltre, alcune delle combinazioni esistenti hanno alte concentrazioni di alcool e glicole polipropilenico che possono essere tossici se usati fin dalla nascita.

La nuova formulazione FDC non richiede di essere sciolta in alcool, in quanto si presenta sotto forma di polvere che viene mescolata con una piccola quantità di latte materno. Ha anche un sapore più gradevole e non richiede refrigerazione.

Se si dimostra efficace, un bambino ad alto rischio potrebbe riceverla per 4-6 settimane come profilassi dell’HIV, o continuare ad usarla se infettato dall’HIV.

Prevenzione del contagio dell’HIV: ruolo di lopinar/ritonavir e abacavir

“Questa è la prima volta che studieremo una nuova formulazione di lopinavir/ritonavir sin dalla nascita, e anche l’uso dell’abacavir sin da un’età così precoce – accertare l’esposizione ai farmaci per informare il dosaggio sarà importante”, ha spiegato Bekker.

“L’uso di questa combinazione di farmaci fin dalla nascita sarà facile da somministrare e significherà meno scambi di farmaci in seguito, rendendolo meno confuso per i caregiver”.

Lo studio è una prova di fase I/II e verificherà la sicurezza e la farmacocinetica di questo nuovo FDC nei neonati a termine.

Circa 50 neonati esposti all’HIV saranno iscritti al Centro per la famiglia di ricerca della FMHS con Ubuntu (FAMCRU).

Lo studio iscriverà bambini sani e a termine nati da donne sieropositive.

Per la prima fase, essi riceveranno una singola dose della nuova combinazione in aggiunta allo standard di cura.

L’analisi farmacocinetica sarà eseguita presso il laboratorio AMS-PHPT della Facoltà di Scienze Mediche Associate dell’Università di Chiang Mai.

Lo studio intende divenire un’eccellente cura neonatale all’HIV

“Se le concentrazioni dei farmaci e la sicurezza saranno buone, continueremo ad arruolare bambini ad alto rischio di acquisizione dell’HIV per dare una multi-dose della nuova FDC”, ha spiegato Bekker.

“Se un bambino si infetta, torneremo agli standard di cura”.

I primi neonati sono stati iscritti a settembre.

Si prevede che l’arruolamento continuerà fino a settembre 2022 e i risultati saranno disponibili poco dopo.

I dati generati dallo studio permetteranno una guida basata sull’evidenza sull’uso di questa nuova formulazione nei neonati.

“Non si potrebbe fare questo tipo di studio facilmente da nessun’altra parte”, ha detto Bekker.

“Questo studio può essere fatto solo in un ambiente con un’alta prevalenza di HIV e un’eccellente cura neonatale”.

Il Sudafrica ha un mix unico. I nostri servizi neonatali ci mettono in una buona posizione per studiare questi neonati e per fornire raccomandazioni su come trattarli in modo ottimale”.

La formula del granulo 4 in 1 della FDC

Per approfondire:

HIV, studio WHO: “Cabotegravir iniettabile altamente efficace nel prevenire contagio nelle donne”

ICAR 2020, la scienza al lavoro per una completa eradicazione dell’ HIV

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Stellenbosch University

I commenti sono chiusi.