Università dello Utah e COVID-19: in che modo un DPI riutilizzabile può fare la differenza negli ospedali?

Il CMI dell’Università dello Utah ha progettato un nuovo sistema di respiratore purificante riutilizzabile per operatori sanitari e oss che si prendono cura dei pazienti COVID-19.

 

Covid-19 negli USA, l’idea dell’Università dello Utah

Questo respiratore ad aria purificata (PAPR – Power Air Purifying Respirator) è sicuro e riutilizzabile in risposta alla pressante richiesta di DPI.

Studiato e progettato dal Center for Medical Innovation (CMI) dell’Università dello Utah per fornire un flusso costante di aria pulita attraverso un casco filtrato agli operatori sanitari.

Questo respiratore purificatore d’aria elettrico mantiene una pressione positiva che impedisce l’ingresso di aria non filtrata e protegge l’operatore da qualsiasi tipo di infezione, come COVID-19.
Come sappiamo, ogni ospedale ha la possibilità di ottenere una quantità limitata di dispositivi.

COVID-19, dallo Utah ci spiegano questo promettente casco

Come ha spiegato Bryan McRae, co-direttore ad interim della CMI nella comunicazione ufficiale sul sito web dell’Università dello Utah, “Il sistema del nostro respiratore offre un’eccellente protezione e può ridurre drasticamente il consumo di DPI monouso, come le comuni maschere N95. Sfortunatamente, i PAPR non sono più disponibili per i fornitori standard da più di un mese. Il team CMI e i nostri colleghi della University of Utah Health sono stati veloci e abili nello sviluppo di una soluzione per colmare il divario mentre le fonti tradizionali di fornitura dei DPI rimangono incerte ”.

In base al sistema di classificazione standard noto come “Fit Factor” (traducibile in “fattore di adattamento”) e il sistema del nostro respiratore, la velocità in genere è compresa tra 200 e 1000 sulla scala quantitativa di test di adattamento.

Il l sistema riduce la concentrazione di particelle aerosolizzate da 0,3 micron all’interno del sistema da 200 a 1000 volte rispetto all’aria esterna al casco.

Il CMI ha permesso che il sistema del PAPR fosse valutato dal Rocky Mountain Center for Occupational and Environmental Health dell’Università dello Utah, con il risultato che offre un fattore di adattamento di 400 o superiore.

Secondo la scala dell’OSHA, noto come Assigned Protection Factor (Fattore di protezione assegnato – APF), è stato riferito che questo respiratore PAPR fornisce un APF tra 25 e 400.

Rispetto alle comuni maschere respiratorie N95 che in genere forniscono solo un APF di 10, è evidente che questo sistema di PAPR è più efficiente.

Casco anti-covid-19 progettato nello Utah: anche in questo caso fondamentale la stampa 3D

Il feedback degli operatori sanitari sul sistema di respirazione ad aria purificata contro COVID-19 progettato dall’Università dello Utah

Il CMI ha integrato il feedback degli operatori sanitari e oss prima di produrre il PAPR in gran numero.

Grazie all’adattatore personalizzato e stampato in 3D si può collegare il respiratore al casco, “Il sistema PAPR di CMI può anche connettersi a modelli più vecchi di caschi PAPR ancora in stock, consentendo a centinaia di caschi precedentemente inutilizzabili di essere indossati in modo sicuro e confortevole per la salute degli operatori sanitari presso l’ospedale universitario ”, riferisce Julie Kiefer, direttore associato, Science Communications, Università dello Utah Health nel suo articolo.

“Siamo particolarmente grati per l’esperienza e la comprensione dei nostri partner universitari e del settore. Mentre sviluppiamo ulteriori soluzioni per gli operatori sanitari durante l’epidemia di COVID-19, continueremo a fare affidamento sui nostri partner della comunità per aiutarci a realizzare questi progetti ”, ha affermato Bernhard Fassl, co-direttore ad interim del CMI.

PER APPROFONDIRE

LEGGI IL NOSTRO ARTICOLO IN INGLESE

MASCHERINE E STAMPA 3D, L’IDEA DEGLI STUDENTI IN TUNISIA

SARS-COV-2, DALL’OSPEDALE DI PIACENZA UN ECCELLENTE METODO DI PROGNOSI PREDITTIVA

EMERGENZA – CORONAVIRUS, LA GDF SEQUESTRA 1 MILIONE DI MASCHERINE

CENTRALE OPERATIVA 112, UNO SGUARDO AL SUO INTERNO

CORONAVIRUS, IN ITALIA SUPERATI I 25 MILA MORTI

 

I commenti sono chiusi.