Coronavirus, in Tunisia mascherine pronte in 2 minuti: le stampanti 3D e gli studenti di Ingegneria di Sousse

Coronavirus in Tunisia, agli studenti della Scuola nazionale di ingegneria di Sousse la paternità dell’idea, alla startup 3dWave i tempi record per la realizzazione

Usare stampanti 3D a tecnologia laser per realizzare mascherine e visiere protettive, tagliando così i tempi in modo drastico: l’idea, lanciata dalla Scuola nazionale di ingegneria (Eniso) della città di Sousse, sta dando una mano agli ospedali della Tunisia ai tempi del Covid-19.

READ THE ENGLISH ARTICLE

BASTANO 2 MINUTI

Sei studenti dell’istituto lavorano incessantemente da giorni al progetto e sono arrivati a produrre migliaia di mascherine, circa 300 ogni 24 ore.  I tempi di realizzazione di ogni singolo dispositivo sono passati in pochi giorni da un’ora e mezza a circa due minuti dopo l’adozione di una più rapida tecnologia laser messa a disposizione dalla startup locale 3dWave.

Taha Grach, uno dei sei studenti, intervistato dall’emittente britannica Bbc, ha detto che “è un dovere degli studenti di ingegneria aiutare il Paese” e ha aggiunto che è bello poter aiutare la Tunisia “facendo qualcosa che appassiona”.

CORONAVIRUS IN TUNISIA: NON SOLO MASCHERINE

Il gruppo di ricercatori ha anche elaborato il design di un prototipo di macchinario per l’ossigenoterapia nasale ad alto flusso, che può aiutare i pazienti con difficoltà respiratorie. A oggi, secondo i dati degli Africa Centers for Disease Control and prevention (Africa Cdc), i casi confermati di Covid-19 in Tunisia sono 879. Almeno 38 i decessi.

PER APPROFONDIRE

CORONAVIRUS IN MONZAMBICO

COVID-19, IN ALGERIA UNA FELICE SPERIMENTAZIONE DELLA CLOROCHINA

MAROCCO, RENAULT, DONAZIONI E SOLIDARIETÀ: LA REAZIONE AL SARS-COV-2

SUDAFRICA, LE PAROLE DEL PRESIDENTE RAMAPHOSA

FONTE PER IL TEMA CORONAVIRUS IN TUNISIA

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.