Veneto, il Soccorso Alpino ti aiuta in ogni Pasticcio: unità cinofila recupera pitbull spaventato e smarrito

Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS Veneto al centro di una curiosa e lodevole attività di recupero. Una signora si era infortunata lievemente in un bosco, ed è stata soccorso. Più laborioso il recupero del suo cane, un pitbull, scappato dal luogo e smarritosi.

Veneto, Soccorso Alpino: l’importanza dell’Unità Cinofila e dei conduttori

C’è voluta un po’ di pazienza per fargli prendere fiducia e poter quindi avvicinare Pasticcio, il pitbull scappato l’atro ieri sopra Podenzoi, in Veneto, durante una passeggiata con la sua proprietaria.

Verso le 20:30 il Soccorso Alpino e Speleologico Veneto – CNSAS era stato allertato dalla centrale operativa contattata da un uomo del posto, la cui moglie non era rientrata dopo essersi allontanata con il cane a piedi nel bosco.

La trentottenne era stata rinvenuta quasi subito illesa, sebbene fosse scivolata, ed era stata riaccompagnata a casa.

Mentre Pasticcio, malgrado una squadra avesse proseguito la ricerca, non si trovava.

Ieri mattina un soccorritore è tornato a cercarlo assieme al conduttore di un’unità cinofila del Soccorso Alpino.

La squadra ha iniziato a perlustrare la zona, ma il cane, sicuramente impaurito, non si faceva vedere.

Finché, quando i due soccorritori hanno deciso di rientrare, Pasticcio che li ha visti allontanarsi ha richiamato la loro attenzione guaendo.

Si trovava più in alto rispetto a loro, sopra alcuni salti di roccia.

Dopo averlo raggiunto arrampicandosi, il conduttore si è seduto abbastanza vicino, ha messo per terra qualche crocchetta e una ciotola d’acqua e ha atteso che, stando con lui, la bestiola capisse di non avere nulla da temere.

E cosi è stato, il cane si è lasciato avvicinare e imbragare per essere riportato sulla strada.

Alle 15:30 di ieri Pasticcio è stato riconsegnato ai suoi padroni.

Per approfondire:

Gravemente ferito sui Monti Picentini, salvato da Soccorso Alpino CNSAS ed Aeronautica Militare / FOTO E VIDEO

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale CNSAS

I commenti sono chiusi.