Bambini malati di tumore, le indicazioni in materia di oncologia e vaccinazione anti Covid

Bambini malati di tumore, l’oncologia fornisce le indicazioni necessarie per un corretto approccio al vaccino COVID-19.

Il piano di vaccinazione anti Covid è iniziato ufficialmente in tutta Italia: delle 35mila dosi di vaccino somministrate quasi 32mila sono andate ad operatori sanitari, per ovvi motivi.

Parallelamente, ma con crescente intensità man mano che gli operatori sanitari avranno copertura vaccinale, cresceranno le dosi somministrate agli ospiti delle Rsa.

Quindi si procederà alla vaccinazione dei soggetti con fragilità, e va da sé che i bambini malati di tumore rientrino in questa categoria.

Bambini malati di tumore, le indicazioni AIOP in materia di vaccini anti Covid

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Italiana di Oncologia ed Ematologia Pediatrica (AIEOP), rappresentante di tutti i centri di onco-ematologia pediatrica italiani, ha voluto diffondere un documento per punti con le proprie raccomandazioni inerenti la gestione di bambini e adolescenti malati di tumore e, soprattutto, le indicazioni per la vaccinazione anti-SARS-COV-2.

  1. AIEOP conferma che nella popolazione oncologica pediatrica (anche per i pazienti in terapia) l’infezione da SARS-COV-2 ha avuto finora un decorso clinico più lieve, sia come morbidità (numero di casi affetti) che come mortalità rispetto a quanto osservato nel paziente adulto.
  2. AIEOP vuole sottolineare come la prosecuzione del trattamento oncologico secondo i protocolli e le linee guida in atto sia la priorità assoluta per i bambini e gli adolescenti in cura; a tal fine, deve essere profuso ogni sforzo per ridurre al minimo il rischio di infezione e consentire al paziente di ricevere la terapia in sicurezza .
  3. AIEOP vuole ricordare come la pandemia SARS-COV-2/COVID-19 comporti una complessa riorganizzazione dei reparti e delle attività, non più in un contesto di “emergenza per alcune settimane” ma in uno stato di “gestione del rischio per un periodo di tempo non meglio precisato”, con la forte necessità di garantire standard elevati nella cura e nella ricerca in oncologia pediatrica.
  4. AIEOP ritiene suo dovere, con la corrente disponibilità del vaccino anti-SARS-COV-2, sottolineare come sia fortemente raccomandato a tutti gli operatori sanitari dell’oncologia ed ematologia pediatrica l’adesione alla campagna vaccinale.
  5. I dati di sicurezza ed efficacia del vaccino anti-SARS-COV-2 sono attualmente limitati alla popolazione di soggetti con età superiore ai 16 anni. Nell’attesa di avere informazioni sui risultati dei trials in corso per l’estensione dell’indicazione all’età pediatrica, non vi è attualmente indicazione alla vaccinazione dei pazienti onco-ematologici al di sotto dei 16 anni. per i pazienti adulti con patologia oncoematologica. Per questi soggetti rimane fondamentale garantire una protezione indiretta tramite la cosidetta l’immunità di gregge e quindi AIEOP raccomanda la vaccinazione dei familiari e dei conviventi adulti, non appena disponibile, secondo il piano vaccinale vigente. La vaccinazione è invece effettuabile – e quindi fortemente raccomandata – per i pazienti sopra i 16 anni, secondo modalità, tipologia di vaccino e tempistiche previste per i pazienti adulti con patologia oncoematologica.

Per approfondire:

Pediatria, febbre: “Paracetamolo e ibuprofene sono la prima arma, anche in caso di Covid”

Coronavirus e Pediatria, Rossi: ora piu’ casi gravi, risorsa da anticorpi altri coronavirus

Oncologia pediatrica: “la sfida e’ guarire di piu’ e meglio”

Fonte dell’articolo:

Sito Ufficiale Associazione Italiana di Oncologia ed Ematologia Pediatrica (AIEOP)

I commenti sono chiusi.